Home Idee di viaggio Le mete da visitare nel 2016 mese per mese

Le mete da visitare nel 2016 mese per mese

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:42
CONDIVIDI
Groenlandia (ThinkStock by GettyImages)
Groenlandia (ThinkStock by GettyImages)

Il 2016 che sta per entrare si presenta molto bene. Sarà infatti un anno ricco di ponti, il che significa possibilità in più per partire (qui tutte i ponti dell’anno che sta per entrare). Già perché non si parte solo d’estate, e anzi, staccare spesso, diluendo le vacanze nell’arco dell’anno è quanto ci sia di meglio per potersi rinfrancare.

Ci sono posti poi che devono proprio essere visti in un periodo piuttosto che in un altro. Ci sono perfino luoghi o città che in base alla stagione cambiano completamente faccia. Motivo per il quale bisogna tornarci più volte in momenti diversi per conoscerle davvero.

La Lonely Planet, la storica guida dei viaggiatori, come ogni anno propone il ‘Best in Travel’, ossia il meglio da vedere per l’anno venturo. Per il 2016 l‘Huffington Post ha fatto una selezione proponendo mese per mese dove andare e perché.

Pronti quindi per il vostro prossimo viaggio? Ricordatevi che le ultimi analisi riguardo i low cost hanno evidenziato che per risparmiare davvero bisogna prenotare con almeno 2 mesi di anticipo (ecco i consigli da seguire). Quindi leggete e decidete quanto prima dove andare. Buon viaggio e buon 2016!

Le mete più belle da visitare nel 2016 mese per mese

Gennaio: GROENLANDIA
Copritevi bene e partite verso questa terra meravigliosa. A metà gennaio dopo oltre un mese di notte polare torna il sole e i groenlandesi lo celebrano con canti e balli.

Groenlandia (ThinkStock by GettyImages)
Groenlandia (ThinkStock by GettyImages)

 

1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
CONDIVIDI
Articolo precedenteCapodanno 2016: botti vietati in molte città d’Italia
Articolo successivoAlluvioni nel Regno Unito: distrutti un ponte e un pub storici – VIDEO
Giornalista, laureata in Scienze della Comunicazione, web content editor e social media manager. Ho da sempre un'innata curiosità per tutto quello che mi circonda: da bambina mi immaginavo detective e indagavo su tutto per scoprire la verità, immaginandomi protagonista di casi polizieschi e di inchieste giornalistiche (e solitamente era peluche orso il colpevole!). Ho fondato il giornalino scolastico quando avevo 9 anni e da allora non ho mai smesso di scrivere. Ho sempre lo zaino in spalla: adoro viaggiare, scoprire nuove culture, nuovi posti e poterli raccontare. Qualsiasi posto infatti racconta una storia che io voglio conoscere. Quando non scrivo al pc o non sono in viaggio, mi trovate sul palco ad improvvisare oppure a fare trekking con il mio cane o nei reparti di pediatria come clowndottore.