Home Curiosità 2011 | Pochi ponti per le mini-vacanze

2011 | Pochi ponti per le mini-vacanze

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:27
CONDIVIDI

2011 PONTI VACANZE CALENDARIO GIORNI FESTA / ROMA – Abbiamo appena dato il benvenuto al 2011 e il nuovo anno si rivela già traditore. Già perché, calendario alla mano, il 2011 sarà avaro dei sospirati ponti che fanno la felicità dei vacanzieri del weekend. Una notizia che farà sorridere i datori di lavoro, ma che farà masticare amaro ai dipendenti che aspettano un venerdì di festa per partire per una mini, ma rigenerante vacanza. Se già il 2010 aveva regalato poche occasioni di fuga, il nuovo anno ne darà ancora meno.  Il primo imminente ponte è quello della Befana poi bisognerà aspettare mesi e mesi – ossia il 2 giugno Festa della Repubblica – prima di potersi fare un weekend lungo senza spendere preziosi giorni di ferie. Prima di allora non c’è niente nel calendario che possa sollevare l’animo dei vessati dal lavoro. Ironia della sorte nemmeno la Festa dei Lavoratori darà ossigeno ai dipendenti visto che cade di domenica. Passata l’estate il 1 novembre darà un pò di riposo (cade di martedì) così come l’8 dicembre (giovedì). Poi più nulla. Natale sarà di domenica e San Silvestro di sabato. Insomma il 2011 per farsi amare deve offrire molto, perché sul calendario è odioso.

CONDIVIDI
Articolo precedenteSpagna | E’ scattato il divieto di fumo
Articolo successivoBefana | In Messico e in Spagna si fa festa grande
Giornalista, laureata in Scienze della Comunicazione, web content editor e social media manager. Ho da sempre un'innata curiosità per tutto quello che mi circonda: da bambina mi immaginavo detective e indagavo su tutto per scoprire la verità, immaginandomi protagonista di casi polizieschi e di inchieste giornalistiche (e solitamente era peluche orso il colpevole!). Ho fondato il giornalino scolastico quando avevo 9 anni e da allora non ho mai smesso di scrivere. Ho sempre lo zaino in spalla: adoro viaggiare, scoprire nuove culture, nuovi posti e poterli raccontare. Qualsiasi posto infatti racconta una storia che io voglio conoscere. Quando non scrivo al pc o non sono in viaggio, mi trovate sul palco ad improvvisare oppure a fare trekking con il mio cane o nei reparti di pediatria come clowndottore.