ViaggiNews

Top 5: le poesie di viaggio più belle ed emozionanti del mondo

lunedì, 10 ottobre 2016

Traveler woman with backpack standing near big tropical river at sunny day

Traveler woman with backpack standing near big tropical river at sunny day

Siamo abituati a leggere libri che parlano di viaggi, oppure sentire canzoni o vedere film che incitano a partire. A conoscere il mondo.  Però ci sono anche delle poesie, bellissime, che parlano del viaggiare. Ecco allora cinque, fra poesie e citazioni, che vi ispireranno a partire.

Le poesie per il viaggio

  • La vita è ciò che facciamo di essa.
    I viaggi sono i viaggiatori.
    Ciò che vediamo non è ciò che vediamo, ma ciò che siamo.

    (Fernando Pessoa, Il libro dell’inquietudine)

  • Il solo vero viaggio, il solo bagno di giovinezza, non sarebbe quello di andare verso nuovi paesaggi, ma di avere occhi diversi, di vedere l’universo con gli occhi di un altro, di cento altri, di vedere i cento universi che ciascuno di essi vede, che ciascuno di essi è.

    (Marcel Proust)

  • Tra vent’anni sarete più delusi

    per le cose che non avete fatto

    che per quelle che avete fatto.

    Quindi mollate le cime.

    Allontanatevi dal porto sicuro.

    Prendete con le vostre vele i venti.

    Esplorate. Sognate. Scoprite.

    (Mark Twain)

  • Il viaggio è una porta attraverso la quale si esce dalla realtà nota e si entra in un’altra realtà inesplorata, che somiglia al sogno.

    (Guy de Maupassant)

  • Aver casa e’ bello
    dolce il sonno sotto il proprio tetto,
    figli, giardino e cane. Ma ahime’,
    appena ti sei riposato dall’ultimo viaggio,
    gia’ con nuove lusinghe il mondo lontano t’insegue.
    Meglio e’ patire nostalgia di casa
    e sotto l’alto cielo essere,
    col proprio struggimento soli.
    Avere e riposare puo’ soltanto
    l’uomo dal cuore tranquillo,
    mentre il viandante sopporta stenti e pene
    con sempre delusa speranza
    piu’ facile e’ l’ampliamento di un viaggio
    piu’ facile che trovar pace nella valle natia,
    dove tra gioie e le cure ben note
    solo il viaggio sa costruirsi la via.
    Per me e’ meglio cercare e mai trovare
    che legarmi stretto a quanto mi e’ vicino,
    perche’ in questa terra, anche nel bene,
    s
    aro’ sempre un ospite e mai un cittadino.

    Hermann Hesse

Tags:

Altri Articoli Interessanti: