ViaggiNews

Una notizia sconcertante sul Polo Nord

martedì, 7 giugno 2016

POlo Nord (iStock)

POlo Nord (iStock)

Il Polo Nord potrebbe scomparire. O meglio i suoi ghiacci potrebbero svanire per sempre. Questo già si sapeva, ma nessuno sapeva ancora che il Polo Nord potrebbe scomparire per sempre già entro quest’anno. Il motivo è noto: il cambiamento e il riscaldamento climatico che stanno accelerando lo scioglimento dei ghiacci.

Il fenomeno è stato osservato di recente. Lo scorso primo giugno è stata osservata una riduzione repentina della calotta polare. I ghiacci si sono ridotti di ben 11,1 milioni di km quadrati, pari a 5 volte la superficie dell’Italia.

Secondo Peter Wadhams, docente di Oceanografia fisica e responsabile del Polar Ocean Physics Group di Cambridge, ci troveremmo davanti ad una vera e propria catastrofe: il Polo Nord potrebbe scomparire già a settembre 2016 o al massimo all’inizio del 2017. Dunque entro l’anno potrebbe esserci solo acqua. Uno scenario sconvolgente.

La previsione del prof. Wadhams è basata sui dati del National Snow e Ice Data Centre, che hanno misurato la forte riduzione dei ghiacci nell’Artico. Lo scioglimento dei ghiacci al Polo Nord sembra ormai un fenomeno inarrestabile e incontrollabile. Del resto già lungo le coste della Russia, nel Mar Glaciale Artico, il ghiaccio non si forma più da anni. Anche il famoso passaggio a Nord Ovest, sopra le coste dall’Alaska al Canada si è liberato, tanto che la prossima estate verranno inaugurate le prime crociere su quel tratto del Mar Glaciale Artico, con una grande nave passeggeri, la Crystal Serenity, che patirà dall’Alaska per raggiungere New York.

L’ultima volta in cui il ghiaccio è completamente scomparso dal Polo Nord risale a ben 100.000 anni fa. Un’epoca lontanissima.

Il prof. Wadhams ricorda che le conseguenze del riscaldamento climatico e dello scioglimento dei ghiacci al Polo sono già evidenti. Basti considerare gli eventi meteorologici estremi che sono ormai all’ordine del giorno, anche in Europa, con tempeste simili a quelle tropicali, cicloni sempre più violenti e fuori stagione, bombe d’acqua, esondazioni e alluvioni, condizioni climatiche sempre più imprevedibili.

Quando i ghiacci al Polo Nord saranno completamente sciolti il disastro sarà inevitabile: si verificherà il temutissimo innalzamento delle acque dei mari, peraltro già in corso, mentre l’acqua dolce negli oceani cambierà il ciclo delle correnti, stravolgendo l’ecosistema dei nostri mari, con conseguenze devastanti per il nostro clima.

Tags:

Altri Articoli Interessanti: