ViaggiNews

Vacanze alternative? Si va in Toscana a vendemmiare nella tenuta di Sting

martedì, 2 settembre 2014

Getty Images

Getty Images

Stiamo parlando proprio di Sting, il famoso cantante, che da diversi anni ha una azienda agricola in Toscana, vicino a Firenze: “Il Palagio”. Qui il suo entourage di esperti crea olio, miele e vini molto pregiati dai nomi artistici come “Message in a Bottle” che riprende chiaramente una vecchia canzone dell’artista, oppure Sister Moon e When We Dance.

Il vino è come una bella musica già scritta – si legge sulla sito della tenuta, per mezzo delle parole di Paolo Caciorgna come un’Opera che il musicista o il tenore deve interpretare: le note sono sempre le stesse ma il risultato ogni volta trasmette un emozione diversa . Ogni giorno lavoro affinché possa diventare un buon interprete delle uve che con tanta cura e sensibilità vengono coltivate dal vignaiolo , utilizzando tutti quegli strumenti, antichi e moderni, che mi permettono di esaltarne la qualità

L’orto di Sting diventa una meta per la vacanze

La star, da quest’anno, ha preso una decisione che ha fatto molto discutere. Sting ha infatti aperto le porte del suo possedimento per tutti coloro che vogliono rilassarsi. Già, perché la vacanza alternativa all’interno della tenuta di Sting dovrebbe essere all’insegna del relax.

Un’esperienza terapeutica, si legge sulle note stampa, che inizia con un picnic nei campi dove i responsabili insegneranno agli ospiti come coltivare. Dopo la lezione teorica si passa al pratico e, una volta muniti di cestino, i partecipanti potranno andare a scuola di zappa e, se rovinate qualcosa, nessun problema… se non vi vede Sting!

La giornata termina poi sempre nei campi sorseggiando un po’ di vino Sangiovese prodotto in casa del costo di ben 15 euro al bicchiere, ma l’esperienza probabilmente vi avrà inebriato a tal punto da non farvi nemmeno accorgere di quanto state pagando.

Sul web si è ovviamente però scatenata la polemica tra coloro che ritengono che sia un’idea assolutamente deliziosa e chi invece sostiene che pagare per andare, riduttivamente, a zappare la terra di Sting sia umiliante.

Tags:

Altri Articoli Interessanti: