ViaggiNews

Dublino low cost: un viaggio economico nella capitale irlandese

venerdì, 29 marzo 2013

Dove dormire, cosa fare e dove mangiare per spendere poco a Dublino \RomaSarà la sua atmosfera rilassata e l‘enorme patrimonio artistico, da Oscar Wilde a James Joyce, sarà per la birra che scorre a fiumi o per i dublinesi sempre pronti a fraternizzare con tutti nei mille pub sparsi per la città, ma Dublino è diventata negli ultimi anni una delle mete più gettonate per chi ama viaggiare low cost.

La capitale dell’Irlanda è divisa in due dal fiume Liffey: sulla riva sud è possibile ammirare i resti medievali della città ed i suoi monumenti più antichi, perdersi tra le migliaia di case in stile georgiano e l’entusiasmo che regna incontrastato a Temple Bar; mentre su quella nord troverete i maggiori monumenti e centri commerciali.

DOVE DORMIRE

Dublino offre comode sistemazioni adatte a tutte le tasche. Se cercate un posticino pulito ed accogliente nel cuore della città l’ostello Abigail’s è quello che fa per voi! Lo staff è eccezionale e il continuo via vai di giovani lo rendono il luogo perfetto per socializzare. Per chi volesse dormire in una tipica casa in stile georgiano a due passi dal centro c’è il My Place Dublin Hostel, composto da tre dormitori, una reception aperta 24 ore su 24, wi-fi gratuito e tutti i comfort moderni. Ideale per chi viaggia in gruppo e vuol spendere 10 euro a notte. A Phibsborough, lungo il tragitto che dall’aeroporto porta al centro di Dubino, sorge lo Charteville Lodge: un hotel 3 stelle ricavato da una splendida casa vittoriana con terrazza. Nelle vicinanze troverete i Giardini Botanici, il Phoenix Park ed il Croke Park, mentre con 10 minuti in autobus potrete facilmente raggiungere il Trinity College, O’Connell Street e la vivace Temple Bar.

COSA VEDERE

Musei. Gli amanti della storia non possono perdersi una visita al Castello di Dublino, appena fuori Dame Street nella zona a sud del fiume Liffey. Qui è possibile visitare gratuitamente l’imponente fortezza di pietra grigia, mentre con soli 4,50 euro (3,50 se siete studenti) è possibile fare un tour guidato di 50 minuti tra gli antichi candelabri, i lussuosi arredi e i fasti del passato.

Sono moltissimi i musei nazionali gratuiti di Dublino: all’IMMA (Irish Museum of Modern Art) potrete ammirare uno degli edifici più belli del ‘600 in cui sono esposti alcuni tra i maggiori capolavori dell’arte moderna e contemporanea irlandese e non. Mentre alla National Gallery potrete ammirare senza spendere un solo euro più di 500 opere, tra cui il Pierrot di Juan Gris e la rinomata Cattura di Cristo del Caravaggio. Anche il National Museum lascia libero accesso a chiunque voglia visitare le sue quattro sedi, e in quella di Kildare Street è possibile contemplare la moltitudine di gioielli, manoscritti e ninnoli d’oro che costituiscono il Tesoro. Famosissima la Fibula di Tara: una spilla in filigrana riccamente decorata con smalti e ambra risalente al VII secolo d.C.

Monumenti. Con appena 5,50 euro (4,50 per gli studenti) avrete accesso alla Cattedrale di St. Patrick, uno dei più bei monumenti della città, con le sue suggestive vetrate colorate e le statue pallide, le ampie arcate e le travi minuziosamente intarsiate non chiede altro che essere fotografata in ogni piccolo particolare. E per immergervi completamente nella vera tradizione dublinese non potete perdervi la statua di Molly Malone, protagonista della famosa canzone popolare che recita: “Nella lontana Dublino, dove le donne son così belle per prima ho messo gli occhi su Molly Malone”. Grafton Street è sempre piena di turisti e dubliners intenti a portare i loro omaggi alla bella fanciulla in rame.

Se invece siete dei topi di biblioteca non potete assolutamente perdervi il Trinity College, storica università della capitale, sede del Book of Kells e della Old Lybrary, in cui è possibile passeggiare tra montagne di tomi d’inestimabile valore, deliziati dall’odore della carta antica. E se il tempo lo permette, le aiuole perfettamente curate al limitare delle stradine di ciottoli sono l’ideale per un economico e rilassante pic-nic.

Parchi. Non è certo un caso se il verde è il colore con cui l’Irlanda è rinomata in tutto il mondo e Dublino ne è degna rappresentante: il Phoenix Park a circa 3 chilometri a nord-ovest del centro è il più grande parco d’Europa, e immersi nella vegetazione si tengono ogni anno moltissimi concerti ed il Phoenix Park Motor Race; mentre nel cuore della città sorge il St. Stephen’s Green, suggestivo col suo lago popolato di anatre di ogni tipo e i numerosi esempi di architettura georgiana.

COSA MANGIARE

Non si può dire di essere stati a Dublino senza aver assaporato una Guinness ghiacciata al Gravity Bar, situato all’ultimo piano della Storehouse Guinness a St. James Gate Brewery. Con 11 euro infatti, dopo aver visitato la fabbrica, concluderete il vostro giro con una birra inclusa nel prezzo del biglietto ed avrete una panoramica fantastica della città dall’alto.

E se il tanto girovagare vi dovesse aver messo appetito, allora avrete pane per i vostri denti nella famosa zona di Temple Bar. Durante il weekend qui i locali sono gremiti di clienti che gareggiano di pinta in pinta, facendo il tradizionale giro dei pub. Al Doyle’s ad esempio troverete prezzi economici ed eleganti cabine blu con pareti rosa, mentre al Cassidy’s Bar potrete assaggiare la tradizionale cucina irlandese: dalle tipiche salsicce con purè all’Irish coffee.

COME ARRIVARE E COME MUOVERSI

Di voli low cost per Dublino ne partono in continuazione da tutte le principali città italiane, ed una volta raggiunta la capitale irlandese la prima cosa da fare sarà procurarvi il Dublin Pass, ovvero un biglietto di 2, 3 o 6 giorni che dà libero accesso a tutti i mezzi di trasporto pubblici e ad oltre 31 attrazioni turistiche. Se vi sentite in forma, in alternativa potete optare per un’ecologica bicicletta del servizio Dublinbikes, presente in tutta la città con oltre 40 stazioni. La prima mezz’ora è gratuita mentre con soli 2 euro avrete la bici tutta per voi per ben tre giorni.

I più pigri potranno girare per il centro comodamente trasportati in Ecocab: dei pratici e vivaci ciclo-taxi che dalle 10 alle 19 offrono passaggi gratuiti dal parco di St. Stephen’s Green a Grafton Street.

PER TUTTE LE NOSTRE GUIDE SU DUBLINO CLICCA QUI.

Silvia Fanasca

 

Tags:

Altri Articoli Interessanti: