ViaggiNews

Idee di viaggio | Speciale vacanze esotiche: la mappa delle vaccinazioni

lunedì, 11 luglio 2011

VACCINAZIONI PROFILASSI PAESI ESOTICI/Roma-Quando si viaggia in un paese esotico, è utile tenere in considerazione oltre che il clima anche le condizioni igienico-sanitarie della propria destinazione. Secondo una stima del Corriere della Sera, circa il 46 % delle persone che scelgono di passare le proprie vacanze ad altre latitudini non ha alcuna conoscenza delle malattie in cui potrebbe incorrere e tantomeno si preoccupa di prevenirle con delle vaccinazioni. Chi viaggia in paesi esotici, al contrario, deve informare il proprio medico o rivolgersi a un Centro di medicina dei viaggi (dell’ASL o del proprio ospedale) dove vengono fornite informazioni e, nel caso, le profilassi necessarie per le malattie diffuse in ogni paese. Soprattutto nel caso di anziani e bambini, bisogna tenere anche in considerazione oltre a destinazione, durata e modalità del viaggio, le condizione di salute del singolo prima di ricorrere alle vaccinazioni; in questo caso, risulta assolutamente necessario consultare uno specialista.

Sebbene, vogliamo sottolinearlo di nuovo, rivolgersi a un centro specializzato rappresenta la soluzione migliore per conoscere e prevenire le malattie che potrebbero essere contratte durante la vacanza, si è pensato di compilare un vadevecum generico con le vaccinazioni necessarie per alcune aree del mondo:

 

  • anti febbre gialla: questo tipo di profilassi è consigliabile per climi umidi come quelli dell’Africa Centrale e di alcune regioni del Sud America come il Brasile
  • anti epatite A: la vaccinazione per l’epatite A può essere associata a quella per l’epatite B e può essere richiesta per tutti i paesi tropicali
  • anti tifo: il tifo, che può essere contratto da acque e alimenti contaminati, è una malattia diffusa nell’area del subcontinente Indiano e in altri paesi in via di sviluppo dove le condizioni igieniche sono scarse
  • anti meningococco: quest’infezione, che può provocare febbre ma anche problemi neurologici, è diffusa in Africa soprattutto nei paesi dell’area sub-sahariana, in Etiopia e Senegal
  • anti difterite, anti tetanica: chiunque si rechi in un paese dove le condizioni igienico-sanitarie sono ragionevolmente più basse rispetto alle nostre può fare un richiamo
  • anti polio: sebbene la poliomielite sia stata ormai debellata nei nostri paesi, chi si reca in India o in paesi centrali dell’Africa come Nigeria e Congo può considerare un richiamo di questa profilassi

 

 

Cristina Mauri

Tags:

Altri Articoli Interessanti: