Tutto sul carnevale ambrosiano, la festa alternativa da non perdere

Il Carnevale è una festa molto amata, diffusa non solo in Italia ma anche nel mondo, come non citare ad esempio quello di Rio de Janeiro.

Tuttavia, anche nello stesso paese, assume delle connotazioni diverse, un esempio è proprio il nostro dove oltre a celebrare il Carnevale, nelle zone di Milano si festeggia il Carnevale Ambrosiano che ha date differenti e richiama proprio una tradizione diversa.

Il carnevale ambrosiano
Il carnevale ambrosiano (viagginews.com)

Questo non è l’unico caso ma anche in altre zone d’Europa si trovano fenomeni particolari. Nei Paesi Bassi ad esempio non si celebra ovunque il Carnevale nello stesso momento. Quello che avviene in contemporanea con gli altri paesi, ovvero il Carnevale legato alla religione, viene celebrato solo in alcune città, come Utrecht, mentre nelle altre come Rotterdam ci sono altre varianti del Carnevale come quello brasiliano che si festeggiano in momenti diversi dell’anno.

Il Carnevale Ambrosiano: la festa dei folli

Il Carnevale Ambrosiano è una celebrazione molto famosa che ha un carattere sicuramente religioso ma che oggi è ampiamente diffuso in tutta la zona di Milano e nei territori vicini. Secondo il rito ambrosiano il periodo quaresimale inizia con la prima domenica della Quaresima e si conclude il sabato quindi quattro giorno dopo rispetto al Carnevale classico che si chiude invece il martedì grasso. Questo differisce dal rito romano che è quello più famoso e diffuso nel mondo.

Carnevale
Carnevale (viagginews.com)

Le motivazioni di questa data slittata risalgono secondo alcuni al ritardo di Sant’Ambrogio che scelse di festeggiare al suo ritorno a Milano dal pellegrinaggio ma secondo altri invece si deve a una questione sociale, per le carestie di quel periodo. Il carnevale milanese è sempre stato comunque famoso per i festeggiamenti grandiosi e lo sfarzo, quindi sin dall’antichità c’era una grande celebrazione.

Poi si sono sviluppati i vari riti ambrosiani con delle modifiche nel tempo. Per tanti anni questo periodo portava a feste sconclusionate e dissolute che non erano il fiore all’occhiello per la città. Anche per questo era chiamato il carnevale dei folli, una sorta di momento dell’anno in cui tutto era permesso. La situazione è cambiata e ovviamente il Carnevale ha assunto dei toni tradizionali, anche molto legato alla commedia dell’arte.

Come si festeggia il Carnevale Ambrosiano

Ogni anno si tiene a Milano un grande evento che ha sempre un tema portante: la trasformazioni, i giochi, il futurismo, i popoli. Partecipare è molto divertente perché in tutta la città le persone sono mascherate e ci sono banchetti ed eventi. Il carnevale quest’anno cade il 25 febbraio, ovvero il sabato grasso.

Tra le maschere tipiche troviamo Meneghino, un servo spiritoso che si prende gioco dei nobili. Questo indossa una lunga giacca e pantaloni corti, una giacca a righe e un cappello con tre punte. In generale in questa festa un po’ folle ci si traveste per scherzare su qualcosa, quindi lo spirito sostanzialmente della “maschera” deve essere quello.

Oltre alla tradizione per le strade della città ovviamente è doveroso anche passare per la tavola con i tortelli alla milanese che sono delle frittelle ripiene di crema o cioccolato e le chiacchiere, uno dei prodotti tipici del Carnevale italiano.