Mamma ho perso l’aereo! Il dettaglio nascosto: ecco perché non parte

Mamma ho perso l’aereo, il film del Natale: il particolare che non avevi notato e che spiega la trama del film. Ci avevi mai fatto caso?

E’ Natale quando c’è il pandoro, il panettone, i regali sotto l’albero e Mamma ho perso l’aereo in tv! Il film del 1990 con protagonista il piccolo Macaulay Culkin è un film cult della programmazione natalizia. Puntualmente durante le feste viene trasmesso e anche se lo abbiamo tutti visto decine di volte è impossibile resistere e non vederlo ancora. Ma c’è un particolare che in pochissimi hanno notato.

film natale
Mamma ho perso l’aereo: il particolare che nessuno aveva notato

Lasciare il proprio figlio a casa, ‘dimenticarlo’ come succede nel film, sembra impossibile. In fondo tutti noi abbiamo guardato sempre con un po’ di sospetto i genitori di Kevin che si ritrova da solo a casa. Eppure c’è un particolare nel film che in pochissimi notano e che fa comprendere meglio come la dimenticanza sia potuta accadere!

Mamma ho perso l’aereo: il film di Natale

E’ capitato a tutti. E se ancora non vi è capitato, non temete prima o poi sarà il vostro turno, d’altronde fa parte del DNA di ogni viaggiatore. Cosa? Perdere il volo. Arrivare tardi all’aeroporto, dimenticarsi il biglietto, perdere del prezioso tempo al controllo sicurezza, distrarsi fra i negozi del duty free e non accorgersi che nel frattempo il gate ha chiuso. I motivi per perdere un aereo sono innumerevoli e le conseguenze solitamente poco piacevoli (bisogna ripagare il biglietto, aspettare ore e via discorrendo…).

Ma il più famoso a perdere un aereo è stato Macaulay Culkin nel film cult degli anni ’90 ‘Mamma, ho perso l’aereo’. L’allegra famiglia McCallister parte per le vacanze di Natale, ma ‘dimentica’ a casa il piccolo della famiglia che vivrà avventure di ogni tipo nella sua improvvisata solitudine.

Perché Kevin viene dimenticato a casa: il particolare del film

Un film che puntualmente viene riproposto alla tv, ma questa volta, se vi capita di rivederlo, non fatevi sfuggire un particolare che i francesi del sito Konbini hanno invece notato e che – diciamolo – riabilita la figura dei due genitori degeneri in grado di dimenticare un figlio a casa.

Il dettaglio è il seguente: durante la caotica cena, inavvertitamente il padre del piccolo Kevin butta nella spazzatura la carta d’imbarco del figlio. Motivo per il quale il giorno dopo al gate quando la madre consegna i biglietti non ne avanza nessuno, quindi non aveva un motivo in più per accorgersi – sì, certo ogni tanto uno sguardo a tuo figlio lo dai, ma suvvia è pur sempre un film – dell’assenza del piccolo Kevin.

bigliettokevin
Il particolare del biglietto nel cestino

Ma non è l’unico particolare del film che è stato notato. Sembra infatti che a creare confusione e a facilitare la ‘dimenticanza’ di Kevin è nel momento della conta. In quell’occasione la cugina di Kevin si sbaglia e scambia un estraneo per il cugino, non solo: conta due volte se stessa.

Insomma Mamma ho perso l’aereo è un film che potete rivederlo sempre e noterete sempre cose nuove. E sarà ancora più bello farvi trascinare da Kevin nell’atmosfera del Natale!

Una scena del film ‘Mamma, ho riperso l’aereo! Mi sono smarrito a New York’. (Sì, lo perde due volte l’aereo!)

Previous articleBrindisi con gli amici alternativo? Le migliori location dove farlo
Next articleMigliori frasi di Auguri di Natale 2022: divertenti, originali ed emozionanti
Giornalista, laureata in Scienze della Comunicazione, web content editor e social media manager. Ho da sempre un'innata curiosità per tutto quello che mi circonda: da bambina mi immaginavo detective e indagavo su tutto per scoprire la verità, immaginandomi protagonista di casi polizieschi e di inchieste giornalistiche (e solitamente era peluche orso il colpevole!). Ho fondato il giornalino scolastico quando avevo 9 anni e da allora non ho mai smesso di scrivere. Ho sempre lo zaino in spalla: adoro viaggiare, scoprire nuove culture, nuovi posti e poterli raccontare. Qualsiasi posto infatti racconta una storia che io voglio conoscere. Quando non scrivo al pc o non sono in viaggio, mi trovate sul palco ad improvvisare oppure a fare trekking con il mio cane o nei reparti di pediatria come clowndottore.