La Stanza per i bagni di Santa Caterina: una piscina naturale nella roccia

Vacanze in Puglia? Non perderti questo scorcio paradisiaco tra acque cristalline e storia. Ecco dove si trova

La stanza per i bagni di Santa Caterina è uno degli angoli più caratteristici della Puglia, non distante da Nardò e dal Parco di Portoselvaggio. Le acque limpide sono state sempre premiate con le Vele di Legambiente e per questo la zona è piuttosto famosa, tuttavia questa stanza segreta non è altrettanto conosciuta.

Santa Caterina
Santa Caterina (Adobe Stock)

Tra Torre Santa Caterina e Torre dell’Alto c’è questa parte di costa veramente spettacolare con una baia che affaccia su acque turchesi. Ci sono stabilimenti balneari e anche spazi liberi con un porto turistico non lontano molto carino e ristorantini direttamente affacciati sul mare.

Stanza per i bagni di Santa Caterina

In questo angolo di Puglia però il vero splendore è la Stanza per i bagni di Santa Caterina di Nardò, si tratta di una vera e propria stanza ricavata nella roccia. Tra ‘800 e ‘900 le dame avevano luoghi speciali e privati dove poter fare il bagno lontano da occhi indiscreti. Per questo venivano creati degli spazi come questo dove il mare riusciva ad entrare formando una piscina naturale e le donne potevano quindi fare il bagno lontano da occhi indiscreti e senza compromettere il bianco candido della loro pelle e non apparire quindi abbronzate come le contadine che lavoravano i campi al sole ed erano sempre piuttosto colorite.

Si creavano quindi questi spazi, solo sulle spiagge più belle. In questo caso è stata scelta questa di Lecce che merita veramente per i suoi fondali unici al mondo. Oggi sono delle vere piscine naturali di straordinaria bellezza. Questo luogo dell’alta borghesia è incontaminato, si vedono ancora i segni del passaggio dell’uomo.

La Stanza di Santa Caterina è accessibile da due punti, c’è l’ingresso principale dal lato dove c’era addirittura una porta che poi è stata rimossa e poi c’è un’altra piccola entrata, è praticamente un foro nel mare. Una parte è sommersa ma vale la pena fare un tuffo ed entrare proprio in questo punto. Sembra di accedere ad un luogo magico dove il tempo si è fermato e dove è racchiusa tutta la bellezza del mondo.

Come arrivare alla Stanza di Santa Caterina

La grotta è accessibile in ogni periodo dell’anno, si consiglia l’estate anche per godere del fresco che si respira all’interno. È ad accesso pubblico e gratuito, se ci sono pericoli per mal tempo non sarà possibile accedere a causa della possibilità di crolli. Dalla spiaggetta si riconosce questa struttura dove accedere, c’è una porta e un altro accesso direttamente nelle acque del porticciolo.

Santa Maria al Bagno
Santa Maria al Bagno (Adobe Stock)