I 5 trucchi geniali per volare in Business class gratis

Come fare per volare in Business class senza spendere troppo? Ecco cosa dovete fare per riuscire a viaggiarci

Sempre Economy, solo economy. D’altronde si sa se si vuole risparmiare bisogna scegliere la formula meno cara e senza spendere la Business sembra impossibile. Ma chi non ha provato una certa invidia vedendo le hostess con i flute di champagne correre sul corridoio verso la Business class? O chi non ha dato un’occhiata di soppiatto dietro la tendina guardando sospirando lo spazio per le gambe davanti ai sedili?

Specie per i viaggi lunghi la Business class è davvero attraente. Permetterebbe di evitare tutte quelle problematiche di scomodità che affliggono chi viaggia in Economy. Ma non tutti se la possono permettere. A meno che di non usare alcuni geniali trucchi per viaggiare in Business senza spendere.

Come viaggiare in Business class senza spendere

Viaggiare in Business class spendendo poco è possibile, ma bisogna seguire alcune regole. Una, che è sempre valida quando si parla di risparmiare, è agire con anticipo. Anche di molti mesi. L’altra al contrario punta tutto sull’ultimo secondo. Ecco cinque trucchi per risparmiare e viaggiare in Business Class.

  • Accumulare miglia
  • monitorare rotte e offerte
  • partecipare a un’asta segreta
  • chiedere l’upgrade al check-in
  • Arrivare all’ultimo momento (e vestiti bene)

Pagare sempre con la carta (collegata alle miglia)

Il sistema più facile ed economico per volare in Business Class è con i programmi fedeltà delle compagnie. Collezionare chilometri volando è però molto faticoso, lungo e dispendioso. Per accumulare miglia in poco tempo dovreste scegliere una carta di credito che trasforma ogni euro speso in miglia. Ci sono diverse carte di questo tipo, specialmente l’American Express offre questo servizio. Certo, la carta può costare un po’ ma di vantaggi ne avrete poi parecchi.

Monitorare le rotte

Giocare d’anticipo e monitorare costantemente le offerte. Iscrivetevi alla newsletter delle compagnie aeree così da essere aggiornati in caso di offerte. In ogni caso dovrete guardare l’andamento dei prezzi per valutare flessioni ed eventualmente procedere alla prenotazione.

Fare l’asta segrete

Quest’ultimo trucco punta tutto sull’azzardo. Dovrete prima acquistare un biglietto di economy e poi partecipare a pochi giorni da volo a una sorta di asta segreta, ossia l’upgrade del biglietto. Diverse compagnie aeree infatti mettono all’asta dei biglietti di Business e si partecipa alla cieca. Ovvero voi fate la vostra offerta senza sapere quanto gli altri – o nessuno – hanno offerto. Potreste aggiudicarvi un upgrade per pochi euro.

Chiedere al check-in

Ogni volo mette a disposizione alcuni up-grade, in alcuni casi possono essere venduti anche a basso costo. Al momento del check-in chiedete pure all’hostess se sono disponibili degli up-grade e quanto vengono. Potreste rimanere piacevolmente sorpresi.

Arrivare all’ultimo minuto

Scegliete un volo affollato, viaggiate da soli e arrivate all’ultimo. Ma vestitevi bene. Se tutto va per il verso giusto potreste ricevere un ‘le abbiamo riservato un biglietto di prima classe’. Quando infatti i voli sono molto pieni è possibile che alcuni passeggeri vengano dirottati in prima classe. Per sperare di essere voi il fortunato dovrete arrivare quando tutti gli altri passeggeri sono quasi tutti saliti. Evitate un abbigliamento troppo da turista non sareste fra i primi ad essere scelti per finire in Business Class.

Riuscire ad andare in Business class spendendo poco o addirittura gratis è possibile, basta seguire questi trucchi.

 

 

Previous articleViaggi in Grecia: dal 2 maggio si entra senza restrizioni
Next articleCosta Adriatica: le 3 spiagge più belle da vedere assolutamente
Giornalista, laureata in Scienze della Comunicazione, web content editor e social media manager. Ho da sempre un'innata curiosità per tutto quello che mi circonda: da bambina mi immaginavo detective e indagavo su tutto per scoprire la verità, immaginandomi protagonista di casi polizieschi e di inchieste giornalistiche (e solitamente era peluche orso il colpevole!). Ho fondato il giornalino scolastico quando avevo 9 anni e da allora non ho mai smesso di scrivere. Ho sempre lo zaino in spalla: adoro viaggiare, scoprire nuove culture, nuovi posti e poterli raccontare. Qualsiasi posto infatti racconta una storia che io voglio conoscere. Quando non scrivo al pc o non sono in viaggio, mi trovate sul palco ad improvvisare oppure a fare trekking con il mio cane o nei reparti di pediatria come clowndottore.