Il giardino più bello del mondo è in Italia

Si trova nel Lazio il Giardino di Ninfa considerato il giardino più bello del mondo

giardino ninfa
Riapertura del giardino di Ninfa

Si trova in Italia il giardino più romantico del mondo come lo ha definito il New York Times. E quando vi ci ritroverete a passeggiare fra antiche rovine medievali, specchi d’acqua e rigogliosa natura non avrete dubbi di trovarvi davvero in uno dei posti più belli e incanti del mondo.

Il Giardino di Ninfa si trova a Sermoneta in provincia di Latina ed è uno dei luoghi più visitati del Lazio. Racchiude infatti in sé, storia, arte e natura. Il periodo di apertura del Giardino di Ninfa è dalla primavera, solitamente aprile-maggio, fino all’inizio dell’autunno. ottobre-novembre. Nel resto dell’anno è possibile visitare il Castello Caetani. In ogni caso vale una gita anche il piccolo e incantevole borgo di Sermoneta.

 Il Giardino di Ninfa: storia e particolarità

Il Giardino di Ninfa è un luogo particolare e suggestivo dove la Storia si incontra con la Natura creando un unicum. Infatti questo giardino creato nei primi anni del ‘900 sorge sui ruderi medievali dell’antica città di Ninfa, sito già conosciuto ai tempi dei Romani e diventato nel Medioevo un importante centro. Nel suo momento più florido Ninfa contava 250 case e ben 7 chiese, aveva una doppia cinta muraria, e per la sua strategica posizione fu contesa da numerose famiglie legate al papato.

Dopo passaggi di mano e trasformazioni Ninfa fu abbandonata fino a che la famiglia Caetani tornò ad occuparsene bonificando gli acquitrini, estirpando le infestanti che coprivano i ruderi, recuperando alcune strutture e creando così con la loro sensibilità un giardino. Gli eredi parteciparono nel corso dei decenni a creare questo che oggi è un dipinto naturale fatto di colori e paesaggi.

Come visitare il Giardino di Ninfa

Per visitare il Giardino di Ninfa bisogna innanzitutto attendere la primavera, poi consultare il sito ufficiale dove verranno pubblicate le date di apertura. Per visitare i Giardini di Ninfa è necessario prenotare e acquistare entro le ore 20 del giorno precedente la propria visita guidata che si può scegliere in diverse fasce orarie, ma solo ovviamente nei determinati giorni di apertura del Giardino da aprile a novembre.

Ogni visita dura circa un’ora e parte dall’ingresso principale con una frequenza di circa ogni 10 minuti. E’ possibile che una volta giunti all’ingresso sia necessario attendere la partenza del proprio tour 10/20 minuti.

Il percorso all’interno del Giardino di Ninfa è percorribile dalle sedie a rotelle, da carrozzine e passeggini prestando attenzione però a possibili sassi o rami sporgenti.

Possono entrare i cani, ma devono essere tenuti al guinzaglio corto (1.5 mt) e i padroni devono avere con sé gli appositi sacchetti per le deiezioni.

Le visite sono garantite anche in caso di pioggia, in ogni caso si suggerisce un abbigliamento consono a una passeggiata su sentieri.

Il Giardino di Ninfa non è solo un bel giardino d’Italia ma è giardino più bello del mondo e chi ci è stato può confermare che quest’oasi di bellezza e natura vicino Latina. E non è solo bellissimo, ma è anche estremamente romantico. Un luogo da vedere almeno una volta nella vita.

 

 

 

Previous articleLe 10 terme più belle del mondo: una è in Italia
Next articleWeekend a Merano: il festival dei fiori e dello yoga, eventi da non perdere
Giornalista, laureata in Scienze della Comunicazione, web content editor e social media manager. Ho da sempre un'innata curiosità per tutto quello che mi circonda: da bambina mi immaginavo detective e indagavo su tutto per scoprire la verità, immaginandomi protagonista di casi polizieschi e di inchieste giornalistiche (e solitamente era peluche orso il colpevole!). Ho fondato il giornalino scolastico quando avevo 9 anni e da allora non ho mai smesso di scrivere. Ho sempre lo zaino in spalla: adoro viaggiare, scoprire nuove culture, nuovi posti e poterli raccontare. Qualsiasi posto infatti racconta una storia che io voglio conoscere. Quando non scrivo al pc o non sono in viaggio, mi trovate sul palco ad improvvisare oppure a fare trekking con il mio cane o nei reparti di pediatria come clowndottore.