Vivere un anno in Sicilia gratis senza pagare l’affitto: l’offerta di Airbnb

Si paga 1 solo euro per tutto l’anno per vivere in una casa ristrutturata di Airbnb nel borgo di Sambuca

Prendi una regione meravigliosa, la Sicilia, prendi uno dei borghi più belli d’Italia, Sambuca, prendi una bellissima casa finemente ristrutturata e mettici 1 solo euro da pagare per un intero anno d’affitto. Sembra un sogno, vero? Invece è realissimo.

sambuca sicilia
Sambuca, trasferirsi a vivere e per un anno solo 1 euro di affitto con Airbnb

E’ la proposta fatta da Airbnb che cerca una persona che con la sua famiglia, partner o amico che vuole si trasferisca a Sambuca. La scadenza delle candidature è il 30 giugno e già sono arrivate 100 mila richieste da tutto il mondo.

Come funziona la proposta: Sambuca un anno con 1 euro

La proposta di Airbnb è davvero allettante e le migliaia di richieste ne sono la testimonianza. C’è però ancora tempo per candidarsi e chissà di non essere i fortunati. Airbnb cerca una persona che sia pronta a trasferirsi nel borgo di Sambuca, in provincia di Agrigento, per un intero anno. Il candidato ideale è qualcuno che già lavori da remoto ed abbia dunque un proprio reddito.

Si può portare con sé la famiglia (massimo due adulti e due bimbi), il proprio partner, un amico o più di uno. Animali domestici inclusi.

La casa dove si andrà ad abitare è stata completamente ristrutturata con soluzioni di design e arredata con gusto: si tratta di un casa indipendente su tre piani. Al piano terra soggiorno, camera e bagno. Al primo piano un altro soggiorno, cucina, studio, bagno e camera da letto soppalcato. All’ultimo piano una camera con letto matrimoniale. E per un intero anno d’affitto l’importo totale è solo di 1 euro.

Ma cosa dovrà fare il fortunato vincitore? Dovrà vivere con la comunità locale, partecipando agli eventi del borgo come la vendemmia, poi fare la raccolta delle olive assieme agli altri paesani. Insomma vivere con la comunità. Inoltre dovrà essere un host di Airbnb: ovvero dovrà occuparsi di affittare una delle stanze della casa per almeno nove mesi. Il bello è che potrà tenersi tutti i proventi dell’hosting.

Il candidato ideale, che deve compilare il modulo di richiesta sul sito di Airbnb, inoltre parla benissimo inglese così da essere in grado di gestire anche ospiti stranieri. Inoltre deve essere pronto a fare le valigie dal 1 luglio 2022 almeno per 3 mesi per andare a Sambuca.

Dove si trova Sambuca

Sambuca è uno dei borghi della Sicilia più famosi d’Italia, talmente celebre da essere conosciuto perfino ad Hollywood e di finire nelle pagine del Times. Già perché questo borgo nell’agigentino in una posizione strategica fra monti e mare è stato uno dei primi a lanciare la proposta delle case a 1 euro riscuotendo un enorme successo. Sono arrivati tantissimi americani, tra cui la diva di Hollywood Lorraine Bracco star dei Soprano, in questo angolo di Sicilia.

E capire il successo di Sambuca non è difficile. Si tratta di uno dei borghi più belli d’Italia, nel 2016 ha vinto il titolo di Borgo dei Borghi, caratterizzato da uno stupefacente e antichissimo quartiere arabo con strette stradine e case bianche. Inoltre c’è un antico acquedotto romano, la Chiesa della Concezione del 1300, quella del Carmine del 1530, il bel palazzo nobiliare Panitteri e quello Beccadelli in prezioso stile gotico-catalano, e poi un teatro ottocentesco, tutto a sottolineare la ricchissima storia di questo luogo.

Si trova a circa un’ora d’auto da Palermo e meno di 30 km dal mare, una delle zone costiere più belle dell’isola e si trova in una collina da cui godere di una vista spettacolare. E poi il cibo e il vino: prodotti tipici che vengono coltivati da queste parti e che rendono la vita a Sambuca genuina e meravigliosa. E con la proposta di Airbnb non pagherete nulla, anzi ci guadagnerete!

Previous articleI 3 posti più belli dove fare una gita in Friuli Venezia Giulia
Next articleStupisci tutti i parenti con la Colomba di Pasqua veloce di Benedetta Rossi
Giornalista, laureata in Scienze della Comunicazione, web content editor e social media manager. Ho da sempre un'innata curiosità per tutto quello che mi circonda: da bambina mi immaginavo detective e indagavo su tutto per scoprire la verità, immaginandomi protagonista di casi polizieschi e di inchieste giornalistiche (e solitamente era peluche orso il colpevole!). Ho fondato il giornalino scolastico quando avevo 9 anni e da allora non ho mai smesso di scrivere. Ho sempre lo zaino in spalla: adoro viaggiare, scoprire nuove culture, nuovi posti e poterli raccontare. Qualsiasi posto infatti racconta una storia che io voglio conoscere. Quando non scrivo al pc o non sono in viaggio, mi trovate sul palco ad improvvisare oppure a fare trekking con il mio cane o nei reparti di pediatria come clowndottore.