Russia contro l’Italia: paese ostile, vietato l’ingresso

La Russia ha emanato un decreto che vieta l’ingresso nel Paese a tutti i cittadini dei Paesi occidentali definiti ostili, fra cui l’Italia

Le meraviglie di San Pietroburgo così come la bellezza di Mosca diventano vietate per gli italiani. E’ questo un altro effetto della terribile e sanguinosa guerra fra la Russia e l’Ucraina che ha sconvolto il mondo da ormai oltre un mese. La Russia ha infatti deciso di stilare una lista di Paesi a cui cittadini non sarà più concesso il visto di entrata nel Paese. Una lista di Nazioni definite ostili, ovvero tutte coloro che hanno applicato sanzioni al Cremlino, inclusa dunque l’Italia.

In realtà al momento andare in Russia non è né consigliabile, né possibile visto che lo spazio aereo è chiuso e sono sospesi tutti i voli da e per la Russia. Unica possibilità finora era accedere via terra dalla Finlandia, ma l’ultimo treno è stato sospeso pochi giorni fa. Insomma quello della Russia è un atto formale, ma anche una presa di posizione netta della Russia contro il blocco occidentale.

Russia ingresso vietato agli Italiani

Una lista di Paesi definiti non amichevoli è stata stilata dal Ministro degli Esteri Russo, Sergei Lavrov. I cittadini di questi Paesi non potranno più entrare in Russia. Il presidente Putin ha infatti deciso di inasprire le concessioni dei visti, negandoli ai cittadini di quei Paesi che hanno svolto “attività ostili” contro il Cremlino.

Nella lista dei paesi non amichevoli ci sono ovviamente gli Stati Uniti, la Gran Bretagna, il Canada, l’Australia, tutti i Paesi dell’Unione Europea e dunque anche l’Italia. Qualche settimana fa la Russia aveva emesso un divieto di ingresso per singoli esponenti politici: il presidente USA Joe Biden, il segretario di Stato Antony Blinken, il primo ministro del Canada Justin Trudeau.

Intanto in Europa sono allo studio nuove sanzioni economiche contro la Russia e la Bielorussia al fine di fiaccare ulteriormente l’azione economica e dunque militare. La speranza è quella dei prossimi negoziati che possano innanzitutto mettere a tacere le armi e poi possano disegnare un mondo di pace. Ma prima di poter tornare a viaggiare in Russia passerà molto tempo.

Previous articleVacanza a Vipiteno: 5 cose da non perdere
Next articleI tre mercatini vintage più belli da scoprire assolutamente
Giornalista, laureata in Scienze della Comunicazione, web content editor e social media manager. Ho da sempre un'innata curiosità per tutto quello che mi circonda: da bambina mi immaginavo detective e indagavo su tutto per scoprire la verità, immaginandomi protagonista di casi polizieschi e di inchieste giornalistiche (e solitamente era peluche orso il colpevole!). Ho fondato il giornalino scolastico quando avevo 9 anni e da allora non ho mai smesso di scrivere. Ho sempre lo zaino in spalla: adoro viaggiare, scoprire nuove culture, nuovi posti e poterli raccontare. Qualsiasi posto infatti racconta una storia che io voglio conoscere. Quando non scrivo al pc o non sono in viaggio, mi trovate sul palco ad improvvisare oppure a fare trekking con il mio cane o nei reparti di pediatria come clowndottore.