Case della Memoria 2022: aprono alle visite quelle di Verdi, Pavarotti e Pascoli

Da non perdere l’iniziativa Case della Memoria 2022: aprono alle visite quelle di Verdi, Pavarotti e Pascoli in Emilia Romagna. Tutte le informazioni utili.

Alla scoperta delle abitazioni dove sono nati e sono vissuti gli artisti che hanno fatto grande la storia della cultura italiana. Compositori, musicisti, pittori, scrittori e scienziati. Sono le Case delle Memoria, patrimonio storico artistico promosso dall’omonima associazione che a inizio aprile promuove un evento nazionale con tante aperture al pubblico da non perdere in Emilia Romagna.

case della memoria 2022
Case della Memoria 2022: aprono alle visite quelle di Verdi, Pavarotti e Pascoli (Casa Natale di Giuseppe Verdi a Roncole Verdi. Adobe Stock)

Case della Memoria 2022: aprono alle visite quelle di Verdi, Pavarotti e Pascoli

Nel weekend di sabato 2  e domenica 3 aprile, il pubblico potrà visitare le case di Giuseppe Verdi, Luciano Pavarotti, Giovanni Pascoli, Pellegrino Artusi, Arturo Toscanini, Giorgio Morandi, Guglielmo Marconi e tanti altri. Sono le Case della Memoria, i luoghi dove i grandi personaggi della storia e della cultura italiana sono nati e cresciuti o dove hanno stabilito la loro residenza. Luoghi che sono stati fondamentali per il loro lavoro e la loro ispirazione e che ne conservano la memoria.

Alla scoperta della quotidianità e del privato dei grandi del passato, i visitatori potranno coglierne l’intima essenza, conoscerne più a fondo la loro personalità e carpirne qualche segreto.

Le Giornate nazionali delle Case dei personaggi illustri, con visita alle case dei grandi personaggi della nostra storia, sono promosse dall’Associazione Nazionale Case della Memoria, che racchiude le abitazioni e case museo associate, dove vissero i personaggi illustri in ogni campo del sapere, dell’arte, della letteratura, della scienza, della storia. Obiettivo dell’associazione è far conoscere e valorizzare queste dimore storiche, di contribuire a una migliore conoscenza delle opere e della vita dei grandi personaggi, accompagnando i visitatori nel loro vissuto e nel legame che avevano con il territorio che abitavano.

L’iniziativa del 2 e 3 aprile è nazionale ma uno dei programmi più ricchi è quello proposto dalla regione Emilia Romagna, con l’apertura al pubblico di ben 17 dimore storiche. Sono in programma visite guidate nei luoghi dove i grandi personaggi hanno visto nascere e formarsi il loto talento.

Leggi anche –> Donatello: la mostra evento da vedere a Firenze

Le case da visitare

Le Case della Memoria in Emilia Romagna che aderiscono all’iniziativa sono: Casa Artusi – Forlimpopoli (FC), Museo Francesco Baracca – Lugo (RA), Casa Museo Raffaele Bendandi – Faenza (RA), Villa Silvia Carducci – Lizzano in Belvedere (BO), Museo Casadei – Savignano sul Rubicone (FC), Casa dell’Upupa- Casa Studio Ilario Fioravanti – Sorrivoli di Roncofreddo (FC), Casa Moretti – Cesenatico (FC), Museo Casa Pascoli – San Mauro Pascoli (FC), Casa Museo Luciano Pavarotti – Modena, Casa Natale di Giuseppe Verdi – Roncole Verdi, Busseto (PR), Villa Verdi – Sant’Agata di Villanova sull’Arda (PC), Atelier Tullio Vietri – Bologna, Museo Luigi Illica – Castell’Arquato (PC), Museo Marconi – Sasso Marconi (BO), Casa Rossini – Lugo (RA), Rocca di Dozza – Dozza (BO), Casa natale Arturo Toscanini – Parma.

Per le giornate del 2 e 3 aprile saranno proposti eventi speciali, come l’esposizione di lettere dal carteggio dell’Artusi e la mostra fotografica e di cartoline storiche ricevute da Ilario Fioravanti, all’interno del giardino botanico di Casa dell’Upupa.

Per prenotare le visite c’è tempo fino al 31 marzo: sul sito www.casedellamemoria.it è presente l’elenco delle case museo partecipanti con telefono, mail e contatti.

Per ulteriori informazioni sull’evento e sulle iniziative in programma: https://www.casedellamemoria.it/it/gli-eventi/3767-cultura-2-e-3-aprile-2022-porte-aperte-alle-%E2%80%9Ccase-degli-illustri%E2%80%9D.html

case della memoria 2022
Museo Casa Pascoli a San Mauro Pascoli (Foto di Moreno Diana, CC BY-SA 4.0, Wikimedia Commons)