Le cinque città più vegane d’Italia: ecco dove andare

Dove andare in Italia per mangiare vegano. Le città con la miglior ristorazione per chi ama mangiare senza derivati animali

Quali città italiane hanno più ristoranti vegani?

Mangiare vegano ormai è moda. E fra tante mode è indubbiamente una delle migliori. Già perché mangiare vegano vuol dire mangiare cruelty free, ovvero senza sofferenza per gli animali, e mangiare sano.

Sono così sempre più le persone che amano mangiare vegano. Farlo però non è facile. In Italia infatti ancora non ci sono moltissimi ristoranti vegan e l’offerta è spesso limitata. Ma bisogna dire ci sono città in cui mangiare vegano è più facile che in altre. Ecco dove andare in Italia se si vuole mangiare vegan.

Le città dove si mangia meglio vegano in Italia

L’Italia vanta una delle cucine migliori del mondo e ogni italiano si sente in fondo un piccolo chef o comunque almeno detentore di segreti culinari. Negli ultimi anni la maggiore coscienza ecologista ha cambiato le abitudini e la passioni degli italiani anche in cucina. Così non tutti amano più il ragù di carne e in molti sono disposti a rinunciare anche alla burrata.

La cucina vegana in cui non si usano carni e qualsiasi derivato animale (dunque compreso latte e uova) è indubbiamente una scelta radicale. E non tutti i ristoranti la propongono, anche se i tempi stanno cambiando. Soprattutto in alcune città d’Italia dove è possibile mangiare vegan in moltissimi luoghi e mangiare bene!

Ecco le città più vegane d’Italia, ovvero quelle con più ristoranti vegani in rapporto agli abitanti. Ovviamente le grandi città come Roma offrono tantissime soluzioni vegan: ben 147 ristoranti vegan-friendly, ma solo 16 ristoranti 100% vegan. Un numero basso rispetto ai 3 milioni di abitanti della Capitale! Meglio Milano che vanta 123 ristoranti vegan-friendy e 23 ristoranti totalmente vegani. Ma numeri ancora lontani dalle regine del veganesimo in Italia!

  • Bologna
  • Piacenza
  • Firenze
  • Vicenza
  • Bergamo

 

Bologna, la regina della cucina vegan in Italia

E’ la città dove il mangiare è un affare serio, dove in cucina si passano ore per tirare la pasta o fare il ragù. E dunque anche per quel che riguarda il vegan non poteva che essere la prima. Rispetto al numero dei suoi abitanti la città dei tortellini è la regina della cucina vegana con ben 19 ristoranti in totale!

Piacenza, l’Emilia è la culla del mangiare vegano

Ed è ancora l’Emilia a conquistare un posto in classifica. Questa volta si tratta di Piacenza, altra città dalla ricca tradizione culinaria. Ma anche se il classico piacentino è per lo più a base di carne i vegani non avranno problemi a trovare ristoranti sono ben 5 su una popolazione di appena 100 mila abitanti.

Firenze, la fiorentina è vegana

E’ conosciuta per la bistecca più famosa: la Fiorentina. Qualsiasi ristorante ve la propone insieme al Lampredotto e ai salumi. Vi sembra impossibile mangiare qualcosa che non sia carne? Invece non lo è. A Firenze ci sono 18 ristoranti completamente vegani.

Vicenza, nuovi ristoranti vegan

Il Veneto ha una lunga tradizione legata alla carne e alla caccia. Eppure chi visita Vicenza sarà felice di trovare  5 ristoranti tutti vegn. Vi sembrano pochi? Rispetto al numero di abitanti non lo sono!

Bergamo, vegani con la polenta

Anche Bergamo città tradizionale in fatto di cucina si è scoperta vegan. Ben 5 ristoranti completamente vegani. E non solo. Qui si sperimenta anche parecchio con soluzioni cruelty free decisamente interessanti.

E tu cosa aspetti a visitare una delle cinque città più vegane d’Italia?

 

Previous articleFesta della Donna: le frasi più belle e gli auguri da inviare
Next articleGenova, sulla Cattedrale c’è una statua incredibile
Giornalista, laureata in Scienze della Comunicazione, web content editor e social media manager. Ho da sempre un'innata curiosità per tutto quello che mi circonda: da bambina mi immaginavo detective e indagavo su tutto per scoprire la verità, immaginandomi protagonista di casi polizieschi e di inchieste giornalistiche (e solitamente era peluche orso il colpevole!). Ho fondato il giornalino scolastico quando avevo 9 anni e da allora non ho mai smesso di scrivere. Ho sempre lo zaino in spalla: adoro viaggiare, scoprire nuove culture, nuovi posti e poterli raccontare. Qualsiasi posto infatti racconta una storia che io voglio conoscere. Quando non scrivo al pc o non sono in viaggio, mi trovate sul palco ad improvvisare oppure a fare trekking con il mio cane o nei reparti di pediatria come clowndottore.