Il luogo più spettacolare e spirituale d’Italia

Il Santuario della Verna è un luogo ad alta spiritualità e di enorme fascino. Ecco cosa vedere e perché andarci

Ci sono luoghi in cui si respira un’aria particolare, che sono avvolti da fascino e suggestione, in cui si sente che c’è qualcosa di spirituale, al di là del proprio credo religioso. Il Santuario della Verna nell’Appennino Toscano, in provincia di Arezzo, è uno di questi. A renderlo speciale non è solo la Storia e quello che rappresenta, ma anche la sua posizione, immerso in una rigogliosa natura, e la strada per arrivarci. Se volete immergervi in un’atmosfera unica al mondo ecco come arrivare e cosa vedere nel Santuario della Verna.

Il Santuario della Verna: il più bello d’Italia

In tutti i luoghi di San Francesco non ci si riesce a passare come se nulla fosse. Da Assisi a Greccio i luoghi del Santo sono intrisi di spiritualità e misticismo, e poco importa se si è fedeli o meno, si avverte comunque che non sono posti come tutti gli altri.

Il Santuario della Verna è fra tutti i luoghi di San Francesco forse quello più speciale di tutti. A renderlo così è indubbiamente il miracolo che qui avvenne la notte del 14 settembre 1224 quando il Poverello di Assisi ricevette le stimmate. Ma anche il posto dove si trova è particolare e suggestivo: chiuso nella natura del Monte Penna a ben 1128 metri di altitudine.

Che questo posto fosse legato alla spiritualità lo dicono già le origini: era il luogo di culto della Dea Laverna, da cui il nome. Insomma si tratta di un sacro monte sin dai tempi dei pagani. Poi nel 1213 il futuro Santo Patrono d’Italia ricevette in dono dal Conte Orlando di Chiusi in Casentino il monte della Verna come luogo per il ritiro dei francescani.

Dopo che San Francesco ricevette le stimmate divenne suolo sacro e fu costruita una chiesa che si andò ad aggiungere alla piccola cappella di Santa Maria degli Angeli già presente che venne poi successivamente ampliata.

Ad oggi dal Quadrante, ovvero il grande piazzale con il belvedere, si possono raggiungere diversi luoghi del Santuario:

  • la Basilica maggiore con la cappella delle reliquie dove sono conservati oggetti personali di Francesco
  • la Cappella delle Stimmate, ossia il luogo dove in quella notte Francesco ricevette le sacre stimmate
  • il corridoio della stimmate con quadri che ripercorrono la vita del Santo e che viene dal 1431 attraversato dalla processione dei frati
  • la roccia dove Francesco riposava
  • la Cappella di Sant’Antonio da Padova eretta in commemorazione della visita del Santo in questo luogo
  • la Cappella della Maddalena, costruita nel luogo dove Francesco ebbe un’apparizione di Gesù Cristo
  • il Sasso spicco, nella gola al di sotto del Santuario è il luogo dove pregava Francesco
  • il Precipizio, uno strapiombo dove si dice il Diavolo tentò di far cadere Francesco.

Il percorso nella natura fino al Santuario

Come abbiamo detto a rendere speciale questo luogo è la sua posizione nella natura. Il Santuario della Verna sorge infatti nell’Appennino Casentino a oltre 1200 metri sul Monte Penna ed è immerso fra boschi di faggi e abeti. Una foresta monumentale che è giunta fino a noi anche per l’opera dei francescani che si sono presi cura di questo luogo.

Un posto spettacolare con faggi secolari alti fino a 50 metri bellissimo da visitare in qualsiasi stagione dell’anno, meraviglioso in autunno con i colori del foliage. Oltre ad una ricchezza botanica enorme in questi boschi potrete vedere anche cervi, daini, caprioli e cinghiali. Presente anche il lupo, il gufo reale e il falco pellegrino.

Questi boschi erano poi frequentati da San Francesco e sono numerosi i sentieri che potrete percorrere per ammirare la natura rigogliosa e immergervi in una contemplazione quasi mistica.

Se avete voglia di un trekking partite dal piccolo paese di Chiusi della Verna e seguite i cartelli che ben indicano il percorso n.50 per il Santuario. In circa 1 ora e mezza di cammino arriverete al Santuario. Passerete per il Bosco della Fate, così chiamato per la presenza di rocce dalle forme particolari, e vivrete lo spettacolo di salire e arrivare al cospetto della Basilica. Potete salire al Santuario anche in auto sempre partendo dal paese di Chiusi, ma se ne avete la possibilità camminate.

Il belvedere, il balcone del Diavolo e il Sasso Spicco sono i luoghi in cui natura e spiritualità si incontrano. Un posto che vi lascerà stupefatti e rifocillati di tanta bellezza. Il Santuario della Verna è uno dei luoghi da vedere almeno una volta in Italia.

 

Previous articleViaggi all’estero: arrivano i consigli della Farnesina
Next articleLa Francia elimina il Pass vaccinale: ecco quando
Giornalista, laureata in Scienze della Comunicazione, web content editor e social media manager. Ho da sempre un'innata curiosità per tutto quello che mi circonda: da bambina mi immaginavo detective e indagavo su tutto per scoprire la verità, immaginandomi protagonista di casi polizieschi e di inchieste giornalistiche (e solitamente era peluche orso il colpevole!). Ho fondato il giornalino scolastico quando avevo 9 anni e da allora non ho mai smesso di scrivere. Ho sempre lo zaino in spalla: adoro viaggiare, scoprire nuove culture, nuovi posti e poterli raccontare. Qualsiasi posto infatti racconta una storia che io voglio conoscere. Quando non scrivo al pc o non sono in viaggio, mi trovate sul palco ad improvvisare oppure a fare trekking con il mio cane o nei reparti di pediatria come clowndottore.