Portovenere: 5 motivi per regalarsi un weekend qui a settembre

I motivi per andare a Portovenere nel mese di settembre. Cosa vedere e cosa fare

portovenere motivi
Portovenere perché andarci a settembre: 5 buoni motivi

Appena ricominciato a lavorare e già vorreste fuggire? Portovenere, splendido borgo sul mare in Liguria, potrebbe essere la destinazione giusta. Perché? Intanto è facilmente raggiungibile sia in macchina sia coi mezzi pubblici (arrivando a La Spezia in treno per poi prendere un bus). E poi perché noi di Viagginews vi garantiamo che è uno dei posti migliori  per un weekend e una boccata d’aria rigenerante. Vi diamo almeno 5 buoni motivi per andare a Portovenere a settembre.  

Perché andare a Portovenere a settembre: 5 buoni motivi

Portovenere è una cittadina in provincia di La Spezia, e conta circa 3500 abitanti. Da più di 20 anni inserita nella lista del patrimonio dell’umanità dell’UNESCO, la bellezza di questo luogo è data dall’unione di paesaggi mozzafiato, tradizione e cultura.

Settembre è il mese perfetto per una weekend qui: non è affollata come d’estate, potete trovare alloggi a prezzi più bassi, ci sono ancora tutti i servizi dei mesi estivi e non fa caldo come a luglio e ad agosto. Di tanti buoni motivi per regalarsi un weekend a Portovenere a settembre, ecco quelli che abbiamo selezionato noi:

  • Il centro storico e i suoi comfort moderni
  • La Grotta di Byron
  • Le escursioni in zona
  • La cucina ligure
  • L’Isola del Tino, visitabile il 13 settembre

Il centro storico per un alloggio perfetto

Entrando da Porta del borgo, costruita nel 1113, si accede al centro storico, con scorci tipicamente liguri, vicoletti un po’ in salita e case alte che nascondono il sole. Qui non mancano le attrazioni culturali, tra chiese (come quella di San Lorenzo) e altre strutture, come il Castello Doria di Portovenere.

La magia di un luogo che ha il sapore della tradizione dei tempi passati, però, è compensata dalla modernità dei servizi offerti: a Portovenere il turismo è molto sviluppato, e non faticherete a trovare un alloggio che si adatti alle vostre necessità.

Il bello di andarci a settembre è non avere confusione sotto le proprie finestre, poter passeggiare tranquillamente e godere di un sole piacevole.

La Grotta di Byron

portovenere

A Portovenere si trova una grotta che prende il nome del poeta inglese. Questi infatti si rifugiava qui per scrivere, meditare e trovare pace, ma non solo. Si narra anche che Byron giunse qui dopo aver nuotato ben 8 chilometri da Lerici, dove era andato a trovare il suo amico Shelley. Inoltre, per chi adora le immersioni, questa grotta è la meta perfetta per una giornata di vacanza.

A settembre potreste ritrovare anche voi quella pace che cercava Byron. Impossibile infatti stare tranquilli a luglio ed agosto!

Le escursioni vicino Portovenere

Se siete amanti del trekking e l’idea di un fine settimana tranquillo proprio non vi convince, Portovenere è quello che fa per voi. Da qui, infatti, partono vari percorsi di trekking, di cui potete approfittare finché ci sono ancora le belle giornate.

Il Parco Naturale Regionale di Portovenere offre percorsi semplici, della durata di un’ora e mezza, come il cosiddetto Sentiero nel Bosco.  Potete partecipare alle escursioni che in barca vi portano a Vernazza e da lì a piedi fino a Monterosso nelle Cinque Terre; oppure potete andare alle isole di Palmaria, Tino e Tinetto e se avete voglia di camminare c’è il trekking dell’Isola Palmaria.

La cucina ligure un motivo per andare a Portovenere

A cosa pensate se vi diciamo Liguria? Sicuramente, tra le immagini evocate da questo nome, c’è anche il cibo tipico. A questo proposito, a Portovenere avrete senz’altro la possibilità di assaporare i piatti tipici della zona.

Partendo dalla classica focaccia ligure, arrivando, ovviamente, a sua maestà il pesto, passando per i piatti di pesce fresco, dopo una giornata di visite una cena a base di questi alimenti vi ristorerà il palato e l’animo.

L’Isola del Tino, visitabile il 13 settembre

Insieme alle isole di Palmaria e Tinetto, l’Isola del Tino costituisce l’arcipelago poco distante da Portovenere. L’isola è oggi zona militare, e si può visitare solo una volta all’anno, in occasione di San Venerio. Questo santo cade proprio a settembre, per l’esattezza il 13, ed è per questo che non c’è periodo migliore per visitare la zona di Portovenere. Il santo, infatti, visse in eremitaggio qui fino alla sua morte, avvenuta nel 630. Ora qui si possono visitare i ruderi del monastero di San Venerio, il faro e un piccolo museo.

portovenere motivi per andare
La Chiesa di San Pietro a Portovenere. Uno dei luoghi da vedere

Portovenere è questo e molto altro ancora: da qui, per esempio, potete raggiungere agevolmente le Cinque Terre, sempre parte del patrimonio UNESCO.

Avete ancora dubbi sul perché prenotare immediatamente un weekend in questo posto? Noi vi consigliamo di decidere subito le date, preparare uno zaino o una valigia e partire il prima possibile: la magia e l’incanto di questa terra meravigliosa vi stanno già aspettando.