I luoghi di vacanza dove è obbligatoria la mascherina e a rischio contagio

Le località dove è obbligatorio indossare la mascherina all’aperto. I luoghi di vacanza più a rischio

mascherina vacanza dove
Torna l’obbligo di mascherina all’aperto in alcune località di vacanza

A fine giugno ci siamo potuti liberare della mascherina all’aperto forti di una situazione epidemiologica sotto controllo. Ora a distanza di meno di un mese però siamo costretti a rimetterla. In molte località d’Italia infatti il nuovo aumento dei contagi dovuti alla contagiosa variante Delta ha spinto governatori e sindaci a reintrodurre l’obbligo della mascherina all’aperto.

Si tratta di località di vacanza dove sono tornate delle restrizioni per evitare la diffusione dei contagi. E sono proprio i luoghi di villeggiatura quelli dove si stanno verificando focolai e cluster. Ecco dove e quali sono,

Quando è obbligatorio indossare la mascherina all’aperto

La mascherina è un’efficace strumento per evitare la propagazione del virus ed è tuttora obbligatoria in tutti gli ambienti al chiuso, ma anche all’aperto dove non è possibile mantenere la distanza di sicurezza.

La revoca dell’obbligo della mascherina all’aperto dello scorso giugno ha infatti ribadito che in caso di assembramento all’aperto – come può essere anche a un fermata di un bus o in fila a un chiosco – la mascherina va portata.

Il Decreto Legge sull’estensione del Green Pass ha anche formalizzato i nuovi parametri per il passaggio da zona bianca, a gialla, ad arancione e rossa. Parametri che non si basano più solo sul numero di nuovi positivi, ma anche e soprattutto sul numero di posti letto occupati in ospedale. Così sebbene tutta l’Italia sia ancora in zona bianca, torna in alcune zone l’obbligo da zona gialla: quello della mascherina all’aperto.

La popolazione vaccinata con due dosi in Italia è appena il 56%, ancora troppo poco per una ‘convivenza pacifica’ con il virus. La variante Delta poi che ha una maggiore capacità diffusiva costringe a prendere dei provvedimenti prima che gli ospedali si riempiano e scatti il cambio di colore della zona. La mascherina obbligatoria all’aperto è dunque uno di questi provvedimenti.

Dove è obbligatoria la mascherina all’aperto

Le località delle vacanze registrano in questi giorni un vertiginoso aumento dei contagi. E’ nei luoghi della movida, fra feste e locali che il virus corre di più, fra i giovani meno vaccinati e meno propensi al rispetto delle distanze di sicurezza. Così alcuni luoghi simbolo dell’estate e delle vacanze fanno registrare il più alto numero di nuovi positivi.

In alcune località di vacanze i sindaci hanno deciso di reintrodurre l’obbligo di mascherina all’aperto e hanno introdotto restrizioni, come sulla vendita di alcolici, per limitare la movida e le serate senza regole. Altri invece provano a spegnere i fuochi che soffiano sull’etichetta di località a rischio.

Una situazione che accomuna tutte le località di vacanze, italiane e straniere. Anche i governatori delle isole Baleari in Spagna hanno dovuto reintrodurre restrizioni. Anche lì dopo la gioia per la revoca dell’obbligo sono stati costretti a reintrodurla per contenere la diffusione. Così in Italia giorno dopo giorno nuove ordinanze appaiono nei luoghi della vacanza.

Al momento queste sono le località dove è stata reintrodotta (o mai revocata come nel caso della Campania) la mascherina all’aperto.

  • Ponza, Lazio – mascherina sempre obbligatoria anche all’aperto
  • San Felice Circeo, Lazio- obbligatoria dalle 21 alle 5
  • Sperlonga, Lazio – mascherina obbligatoria dalle 18 alle 5
  • Martina Franca, Puglia – dispositivo obbligatorio nel centro storico dalle 19 alle 22
  • Tutti i comuni della Campania
  • Gugliosi, Molise
  • Caltabellota, Favara, San Giovanni Gemini, Cammarata, Gela in Sicilia – tutti comuni zona rossa
  • Terranova da Sibari, Calabria – zona rossa

L’agenzia Ansa aveva rivelato che anche la città di Otranto avesse emanato un’ordinanza sull’obbligo della mascherina serale, ma il comune della città pugliese ha smentito quanto pubblicato dall’agenzia e poi ripreso da altri giornali. Al momento nella splendida cittadina salentina vigono le disposizioni nazionali.

Località di vacanze più a rischio contagio

Le località più a rischio contagio in Italia sono ovviamente quelle dove è maggiore la concentrazione di vacanzieri. D’altronde in tutta Italia i contagi stanno risalendo per via della variante Delta.

mascherina all'aperto dove
Rimini una delle località che sta registrando più contagi

Spiccano così ora fra le località a rischio i luoghi simbolo dell’estate come Rimini che ha quasi più nuovi contagiati del capoluogo Bologna (90 contro 104). In riviera romagnola anche a Riccione è stato identificato un cluster di giovanissimi in vacanza.

Poi c’è il Salento in Puglia altro luogo pieno di ragazzi in vacanza. La provincia di Lecce infatti in testa nella classifica della regione con 72 nuovi casi contro i 43 del capoluogo, Bari.

Poi c’è il caso delle isole Eolie. Era tutto tranquillo fino a una settimana fa quando sull’isola di Stromboli arriva una turista che si scopre poi essere positiva. In appena qualche giorno i positivi diventano 14. E tutti, residenti e villeggianti, sono ora in fila per fare il tampone.

A Salina i positivi sono risultati 3 negli ultimi giorni, ma a preoccupare sono le feste sull’isola con molti partecipanti e poca attenzione. Ma il sindaco dell’isola Domenico Arabia rassicura: “Desideriamo rassicurare la popolazione e i numerosi turisti che affollano la nostra isola in questo periodo che la situazione è costantemente monitorata dalle autorità sanitarie e che questi pochi casi di positività registrati sono stati gestiti seguendo le direttive e le procedure previste dalla normativa vigente, attuando l’isolamento immediato e prevenendo qualunque tipo di diffusione, come sempre fatto in tali situazioni, al fine di tutelare la popolazione”.

Anche le località di vacanza in montagna fanno registrare nuovi contagi: a Valtournenche in Valle d’Aosta quattro turisti spagnoli sono risultati positivi, ad Andalo in Trentino sono risultati positivi dei ragazzi di un centro estivo.

mascherina aperto dove
Salina una delle isole dove si sono registrati nuovi positivi

La variante Delta resiste alle alte temperature ed è altamente contagiosa anche all’aperto. Dunque anche in vacanza, nelle località di villeggiatura più affollate, l’attenzione deve sempre restare alta e la mascherina deve essere sempre a portata.

Previous articleGreen pass obbligatorio in Italia per viaggiare: c’è la data
Next articleI 10 luoghi del Trentino Alto Adige da visitare
Giornalista, laureata in Scienze della Comunicazione, web content editor e social media manager. Ho da sempre un'innata curiosità per tutto quello che mi circonda: da bambina mi immaginavo detective e indagavo su tutto per scoprire la verità, immaginandomi protagonista di casi polizieschi e di inchieste giornalistiche (e solitamente era peluche orso il colpevole!). Ho fondato il giornalino scolastico quando avevo 9 anni e da allora non ho mai smesso di scrivere. Ho sempre lo zaino in spalla: adoro viaggiare, scoprire nuove culture, nuovi posti e poterli raccontare. Qualsiasi posto infatti racconta una storia che io voglio conoscere. Quando non scrivo al pc o non sono in viaggio, mi trovate sul palco ad improvvisare oppure a fare trekking con il mio cane o nei reparti di pediatria come clowndottore.