Coronavirus 16 dicembre: scendono positivi, morti e terapie intensive

Allerta Coronavirus oggi 16 dicembre in Italia: scendono positivi, morti e terapie intensive, ecco la situazione.

(ARMANDO BABANI/AFP via Getty Images)

17.572 nuovi contagi con quasi 200mila tamponi e altri 680 morti: questo il dato del contagio da Coronavirus di oggi, in Italia. Da una parte, preoccupa una risalita dei contagi, dall’altra i numeri di questi giorni dimostrano che il contenimento c’è, anche se purtroppo i morti sono ancora troppi, sebbene in discesa.

Leggi anche –> Mamme no mask, protesta fuori scuola: “Le mascherine sono pericolose”

Ieri, infatti, i morti erano 846, ma se consideriamo il dato sull’intera settimana possiamo notare come la media dei decessi sia di 685 al giorno. Questo significa che oggi siamo esattamente nella media, ma che se si confronta una settimana con la precedente si ha un incremento, seppur minimo, del 2%.

Leggi anche –> Vaccino Covid, si dall’Agenzia del Farmaco per distribuirlo prima di Natale

Se vuoi conoscere tutte le notizie in tempo reale CLICCA QUI

Dati Coronavirus 16 dicembre in Italia: qual è la situazione

In tutto, nelle ultime 24 ore, sono stati eseguiti 199.489 e i nuovi positivi sono stati l’8,8% dei tamponati in totale. Calano di molto gli attualmente positivi, grazie a un nuovo boom di dimessi e guariti, quasi il doppio dei nuovi casi. Oggi abbiamo nel nostro Paese 645.706 positivi, di cui 29.823 ricoverati, ovvero 522 in meno rispetto a ieri. Scendono finalmente sotto quota 3mila i ricoverati in terapia intensiva: sono oggi 2.926, ovvero 77 in meno rispetto a ieri.

Sono stati superati i 65mila decessi, mentre sono siamo sempre più vicini ai due milioni di casi di Coronavirus rilevati nel nostro Paese. Sempre guardando ai dati nell’arco di una settimane, la media giornaliera dei tamponi è cresciuta dell’1%. A questo non corrisponde un incremento dei nuovi casi giornalieri. Abbiamo infatti 16.856 casi in media al giorno, ovvero l’8% in meno rispetto a una settimana fa e cala del 14% il numero medio di ricoveri in terapia intensiva.