Come è strutturata la macchina del Presidente USA? Tutti i segreti

Le caratteristiche di sicurezza che rendono così speciale la macchina del Presidente USA, la Bestia.

La Bestia, l'auto del Presidente USA
Auto presidenziale – Pixabay

Quest’anno abbiamo seguito con grande ardore e attenzione i risultati delle elezioni americane. Ci ha appassionato moltissimo il confronto tra l’ormai ex presidente Donald Trump e il nuovo candidato oggi vincitore Joe Biden. E abbiamo ammirato un po’ lo stile di vita e queste conferenze stampa così clamorose in perfetto stile americano. In molti avranno notato che il Presidente USA, per i suoi spostamenti utilizza un’auto blindata chiamata la Bestia. Ma cos’ha di così speciale?

Come si chiama l’auto del Presidente USA

L’auto del Presidente USA si chiama La Bestia, lo abbiamo detto, ma il suo nome, in realtà è Cadillac One ed è l’auto bunker più famosa del mondo. La stessa che viene usata per tutti ed è considerata l’auto più sicura in tutto l’universo. Infatti, come riporta Focus, è proprio un bunker su ruote perché è in grado di proteggere il Presidente da una mina, da un assalto a fuoco e anche da un attacco chimico.

Perché serve tutta questa sicurezza? È semplice, più di un presidente americano negli anni è stato vittima di attentati e quindi la sicurezza viene prima di tutto. Grazie a Focus ora scopriamo quali sono tutte le tecnologie e le caratteristiche più particolari proprio di questa auto presidenziale così speciale. Chiaramente, dicendo quanto si può dire perché i segreti legati a La Bestia sono tantissimi.

Le caratteristiche di sicurezza

Prima di tutto chi guida l’auto del Presidente non è un autista qualunque, ma un militare addestrato dei servizi segreti che è in grado di risolvere qualsiasi situazione di pericolo utilizzando anche delle tecniche molto particolari e manovre da stuntman. Per quanto riguarda i finestrini, che sono ovviamente la parte considerata più debole di un’auto normale, in questo caso sono composti da 5 strati di vetro e policarbonato e non si possono aprire. Salvo quello del conducente e con uno spiraglio di 8 cm massimo. Ovviamente sono anti-proiettili!

Le portiere blindate e l’interno dell’auto

Altra curiosità riguarda le portiere. Anche in questo caso, sono spesse oltre 20 cm, sono blindate e quando sono chiuse all’interno si crea un ambiente isolato al 100% capace di proteggere le persone anche da un attacco chimico.

Per quanto riguarda poi l’interno dell’auto, nella parte dietro dove si siede il proprio il Presidente, c’è una vetro divisorio che lo separa dal all’autista e che solo il Presidente può decidere di abbassare.  Non possiamo dimenticare poi che il serbatoio è corazzato e foderato al fine di impedirne l’esplosione, anche se fosse colpito da un proiettile. La carrozzeria dell’auto è integrata con un armatura a livello militare realizzata con lega di acciaio e anche le gomme sono rinforzate al fine di resistere a foratura e tagli. Inoltre visto che i cerchi sono in acciaio, anche se dovessero forare, il conducente potrebbe comunque guidare.

COLUMBIA, SOUTH CAROLINA – FEBRUARY 29: Democratic presidential candidate former Vice President Joe Biden celebrates with his supporters after declaring victory at an election-night rally at the University of South Carolina Volleyball Center on February 29, 2020 in Columbia, South Carolina. The next big contest for the Democratic candidates will be Super Tuesday on March 3, when 14 states and American Samoa go to the polls. (Photo by Scott Olson/Getty Images)