Shanghai: scene di caos all’aeroporto. Cosa è successo

Caos e centinaia di persone ammassate all’aeroporto di Shanghai: scoperto focolaio, scattano i tamponi a tappeto.

Aeroporto Shanghai
Pixabay – Aeroporto (Immagine di Repertorio)

Sono scene di panico e di caos quelle che arrivano da Shanghai, precisamente dall’aeroporto di Pudong. Nelle scorse ore, infatti, si è scoperto che sette lavoratori dello scalo sono risultati positivi al Covid19 e le autorità hanno ovviamente richiesto a tutti i lavoratori di sottoporsi ai tamponi per l’individuazione di eventuali altri casi di positività.

Non è la prima volta che a Shanghai si verificano situazioni di questo genere e le decisioni del Governo sono sempre quelle di fare controlli di massa.

Cosa è successo all’aeroporto di Shanghai

Così nella notte è stato allestito in fretta e furia un point per i test rapidi molecolari con operatori sanitari pronti ad eseguirli. Il fatto di voler però testare tutti nel modo più veloce possibile, ha causato ovviamente assembramenti e scene di vero e proprio caos.

Come riporta Fanpage, infatti, è scattata la procedura di emergenza dopo che ai primi sette casi positivi se ne sono aggiunti altri. A quel punto parte dell’aeroporto è stato chiuso proprio per allestire una zona dove fare i tamponi.

Anche qui però, sono scattati momenti di caos e le distanze, come si vede dalle immagini arrivate da Shanghai non sono state rispettate. Nella speranza e nel tentativo di racchiudere il focolaio, infatti, si sono create situazioni di assembramento con le forze dell’ordine che cercavano di trattenere le persone in fila ammassate. Alla fine degli oltre 17mila tamponi fatti, pare che 11mila siano già stati analizzati e risultino negativi.

Tolleranza zero: tamponi a tappeto

Shanghai in questo periodo ha adottato la politica di tolleranza zero nei confronti del Coronavirus. Ogni caso di positività ha portato all’esecuzione di tamponi a tappeto anche ad ampio raggio, proprio per evitare che il numero di contagiati potesse crescere.

L’esperienza del primo lockdown di Whuan ha portato ad una evidente ferita che tutte le popolazioni vicine, Shanghai compresa, ricordano bene e non vogliono rivivere.

caos all’aeroporto di shanghai

La scelta di fare  tamponi a tappeto in molti casi si è rivelata vincente tanto che, a oggi, la Cina ad esempio sembra essere finalmente fuori dall’emergenza Coronavirus. Intanto, in Italia, si aspetta l’arrivo del vaccino, sperando che l’efficacia sia reale e che, nonostante i tempi ristretti, non vi siano controindicazioni di sorta.