Coronavirus, il virologo Crisanti lancia l’allarme: “Servono più tamponi”

La riapertura delle scuole ha dato luogo a numerosi dibattiti, tra cui quello del virologo Crisanti che ha rilasciato una lunga intervista

virologo Crisanti
Epidemia virologo Crisanti Foto dal web

Poche settimane e le scuole italiane dovrebbero riaprire dopo tanti mesi a causa dell’emergenza Coronavirus. Al momento, però, regna ancora tanta incongruenza per le dinamiche da adottare in caso di riapertura. E così sull’argomento è tornato a parlare il virologo, Andrea Crisanti,  professore ordinario di Microbiologia all’Università di Padova, che ha svelato ai microfoni de “La Stampa”: “Le misure prese ad ora sono troppo passive. C’è bisogno di sorveglianza attiva, che riguardi le classi e le comunità di provenienza dei ragazzi”. Poi ha aggiunto: “In Italia bisogna passare da 60mila tamponi al giorno a 250mila. Solo così si potrà convivere con l’epidemia senza arrivare ad un secondo lockdown. Ora che siamo ritornati a mille casi, come si può pensare che a ottobre e novembre non siano ancora di più? Senza un piano davvero ad hoc tutto diventa rischioso, anche riaprire le scuole”.

Leggi anche –> Coronavirus, allarme contagi a scuola: ecco le indicazioni dell’Iss

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Coronavirus, il punto di vista di Crisanti

Così lo stesso virologo, inoltre, ha espresso il suo parere per i prossimi mesi: “Il governo sta cercando ovviamente di riaprire le scuole, ma lo sta facendo senza pensare a come gestire l’emergenza senza arrivare al lockdown“. Infine, è arrivata anche una sua proposta: “Bisogna evitare che la scuola diventi un moltiplicatore dei contagi. Per fare ciò sarebbe utile prescrivere la vaccinazione antinfluenzale a tutti, misurare la temperatura all’ingresso abbassando la soglia a 37 e mappare le zone di residenza degli studenti. In caso di focolaio i bambini interessati di quella specifica area, dovranno stare a casa”.