Coronavirus, in Germania chiudono 100 scuole appena riaperte

0
2

Altri problemi legati all’emergenza Coronavirus nelle scuole in Germania: dopo la ripartenza ufficiale, tanti istituti sono stati chiusi completamente o solo in parte

Angela Merkel
(Getty Images)

L’emergenza Coronavirus sta mettendo in grossa difficoltà anche la Germania con nuovi casi positivi. Come riporta il portale online de “Il Corriere” è tornato a parlare il portavoce del Ministero della Cultura dell’Assia che ha svelato: “Ogni giorno in cui non viene chiusa nessuna scuola è un buon giorno”. In Germania si è tornati a scuola, ma non per tutti visto che l’ufficialità è avventura circa tre settimane fa. Soltanto 9 Lander su 16 hanno dato l’ok visto che c’è autonomia scolastica per la ripartenza, ma già un centinaio di istituti sono stati chiusi completamente o parzialmente senza contare gli asili.

Le zone maggiormente colpite sono il Nord Reno Vestfalia (4 scuole del tutto chiuse e 31 parzialmente), Berlino (41 istituti in quarantena su 825), infine Amburgo e Francoforte sul Meno. Cosa succede in caso di positività? Le scuole subito devono avvertire le autorità sanitarie e si deciderà di volta in volta per quale misura adottare. Inoltre, c’è l’obbligo di mantenere la distanza di sicurezza di un metro e mezzo e di portare le mascherine lungo i corridoi, ma non durante le lezioni.

Leggi anche –> Coronavirus, allarme contagi a scuola: ecco le indicazioni dell’Iss

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Coronavirus, ancora problemi in Germania

La ministra dell’Istruzione tedesca, Anja Karliczek, è tornato a parlare per quanto riguarda l’utilizzo della mascherina: “Lo so che è faticoso. lo è per tutti, ma al momento non c’è alternativa alla mascherina”. Nonostante qualche chiusura di troppo, al momento non c’è grossa preoccupazione così come svelato dal rapporto dell’Amministrazione scolastica di Berlino: i nuovi casi positivi riscontrati nelle scuole della capitale tedesca non rappresentano attualmente una minaccia. Infine, anche il responsabile di Berlino per l’Istruzione, Sandra Scheeres, ha rivelato: “Le scuole non sono focolai. Solitamente i vari casi positivi sono stati portati dall’esterno”