Home News Picchia soccorritore del 118: “Spostati devo entrare in discoteca”

Picchia soccorritore del 118: “Spostati devo entrare in discoteca”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:08
CONDIVIDI

Un soccorritore 50enne del 118 è stato aggredito fuori da una discoteca a Porto Cervo, in Sardegna. L’aggressore è un 32enne di Roma.

Pietro Paolo Cossu è il nome dell’operatore del 118 aggredito davanti ad una discoteca, mentre cercava di prestare soccorso ad un ragazzo che si era sentito male. L’uomo è stato aggredito da un turista davanti ad un famoso locale della Costa Smeralda, il “Just Cavalli”, la notte di ferragosto. Il primo a raccontare l’accaduto è Il Corriere della Sera. Tutto è successo verso le 5 del mattino: l’ambulanza si è fermata all’ingresso del locale per facilitare il soccorso di un ragazzo che, colpito da un malore improvviso, aveva perso i sensi cadendo a terra. La situazione è stata resa particolarmente difficile da un turista, un 32enne di Roma, che ha iniziato a lamentarsi poiché l’ambulanza bloccava l’entrata della discoteca. Non sono state pubblicate le generalità dell’uomo. L’uomo ha iniziato a lamentarsi a bordo della sua automobile, quando ha urlato “Mi avete rotto, sgombrate, mi state rovinando la vacanza!”, ed è diventato violento una volta sceso dall’auto. Alla richiesta di portare pazienza da parte degli operatori ha reagito colpendo uno di loro con un pugno, per poi risalire sulla sua vettura e fuggire via, rischiando di travolgere alcuni presenti.

Potrebbe interessarti leggere anche –> Discoteche chiuse | Ministero della Salute | ‘Luoghi ideali per il virus’

Soccorritore aggredito fuori dalla discoteca Just Cavalli, a Porto Cervo

bambina morta

A ricevere il colpo è stato lo sfortunato Pietro Paolo Cossu, 50 anni, che ha riportato una frattura scomposta al setto nasale. La frattura di Cossu guarirà con 15 giorni di cure, mentre il turista è stato denunciato ai carabinieri di Porto Cervo per interruzione di pubblico servizio, lesioni e altri reati. Cossu ha raccontato l’accaduto: “Ci hanno chiamato verso le 5:00. Un ragazzo era fuori della discoteca, sembrava in coma etilico. Abbiamo iniziato a soccorrerlo. È arrivata questa Mercedes gialla, cercava di infilarsi rischiando di investire anche il ragazzo a terra. Ho detto all’uomo che guidava: non c’è spazio, siamo in emergenza, ma finiamo subito. Lui gridava e a un tratto ha detto: “Mi avete rotto i coglion* sgombrate, mi state rovinando la vacanza”. Ha aperto lo sportello e mi ha sferrato un pugno. Ho provato a proteggermi con le braccia, siamo scivolati per terra. Sono intervenuti i buttafuori e hanno evitato che finisse in zuffa. Lui mi insultava: “Ti aspetto, non ti basta? Vieni che ti do il resto”. Io non ho reagito, sarei passato dalla ragione al torto”.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI!