Donna incinta ritorna in Italia da Londra e si scopre che ha il Covid-19: è grave

Una donna incinta è stata fatta rientrare in Italia dall’Inghilterra, i medici dell’ospedale in cui è ricoverata hanno scoperto che ha il Covid.

Una donna di origini marocchine è stata fatta rientrare in Italia da Londra nelle scorse ore. Incinta di sette mesi, ha viaggiato dalla capitale del Regno Unito sino a Palermo, facendo scalo all’aeroporto di Roma. Arrivata in serata all’ospedale Cervello del capoluogo siciliano, i medici hanno scoperto che la donna incinta ha il classici sintomi del Coronavirus. Il tampone ha poi confermato la diagnosi ed ora il personale dell’Asp di Palermo sta cercando le persone che possono essere state a contatto con lei, compresi i passeggeri dei due voli che ha preso.

Leggi anche ->Donna incinta muore di Coronavirus | anche il bambino non ce l’ha fatta

L’obiettivo primario è quello di scoprire se le persone che sono venute a contatto con la donna incinta manifestino i sintomi della malattia. Per appurare questo verranno rintracciati e probabilmente posti in isolamento fiduciario. In questo modo si dovrebbe escludere il rischio che l’eventuale contagio si diffonda. Per quanto riguarda la futura mamma, ieri è stata portata dal reparto di Pneumologia a quello di Rianimazione.

Leggi anche ->Coronavirus | Preoccupazione per i giovani under 35: sono più a rischio

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Donna incinta torna in Italia con il Covid: si valuta il parto cesareo

Le condizioni della futura mamma destano dunque preoccupazione nei medici che preferiscono tenera nel reparto di Rianimazione nel caso in cui ci sia un peggioramento improvviso. Molti pazienti malati di Covid-19, infatti, sembravano aver sviluppato solo sintomi lievi, salvo peggiorare da un giorno all’altro. Tuttavia per il momento il personale del Cervello assicura che la donna incinta non è in pericolo di vita: “La paziente non è comunque intubata e respira autonomamente“. Lo spostamento, dunque, è solo precauzionale, poiché se le condizioni dovessero peggiorare si procederà al parto cesareo e all’intubazione.