Home Dove, come e quando Spostamenti fra regioni, c’è il via libera dal 3 giugno

Spostamenti fra regioni, c’è il via libera dal 3 giugno

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:06
CONDIVIDI

Decisa la data di quando ci si potrà muovere fra regioni: spostamenti permessi senza autocertificazione

Si torna a viaggiare in Italia. Dal 3 giugno 2020 ci si potrà muovere liberamente e senza più nessun’autocertificazione in altre regioni. La bozza del decreto, che sarà presentata oggi al Consiglio dei Ministri, prevede infatti il via libera agli spostamenti fra regioni dal prossimo 3 giugno. Potrebbero però esserci delle limitazioni ‘secondo principi di adeguatezza e proporzionalità al rischio’ in determinate aeree istituite dai governatori regionali in accordo del governo.

Nel decreto si profila la possibilità che per alcune zone d’Italia potrebbero esserci delle limitazioni ad entrare. Potrebbe essere istituito una sorta di passaporto sanitario oppure l’entrata potrebbe essere soggetta solo allo stato di necessità e solo per cittadini residenti. Queste particolari situazioni si potrebbero verificare in base al pericolo di focolai epidemici, ma dovranno essere limitazioni commisurate al rischio effettivo.

Viaggi in Italia dal 3 giugno 2020: regole

A parte quindi delle eccezionalità territoriali che saranno decise dai governatori regionali in accordo con il Governo dal 3 giugno 2020 si potrà tornare a viaggiare in Italia. Ci si potrà muovere con mezzi pubblici e privati su tutto il territorio nazionale senza dover esibire l’autocertificazione. Non sarà necessario quindi avere un motivo per muoversi.  Si potrà quindi andare nelle seconde case che si trovano in regioni diverse da quelle di residenze, ma si potrà andare anche in vacanza.

E’ prevista infatti per il 1 giugno l’inizio della stagione balneare e sempre per quella data dovrebbero riaprire gli alberghi. Alcune differenze fra regioni potranno portare all’apertura anticipata di hotel e spiagge, ma in ogni caso per il 1 giugno ovunque i cancelli saranno aperti. Per il 3 giugno verranno ristabiliti quindi i collegamenti aerei e marittimi, finora limitatissimi, con le isole maggiori.

C’è da specificare che i collegamenti saranno comunque ridotti rispetto al periodo pre-pandemia. Per quanto tutte le destinazioni dei network ferroviari e marittimi saranno attive il numero di vettori sarà in numero inferiore. Per quanto riguarda i collegamenti aerei nazionali Alitalia ha sempre assicurato i suoi voli che verranno implementati dal 3 giugno. Altre compagnie fra cui la Ryanair avevano previsto la riapertura dei voli dal 1 luglio 2020.

Regole agli spostamenti dal 18 maggio 2020

Un cambiamento importante della Fase 2 ci sarà comunque già a a partire dal 18 maggio. Da lunedì 18 maggio infatti aumentano le possibilità di spostamento: si potrà viaggiare all’interno della propria regione senza dover esibire alcuna certificazione. Si potrà dunque andare nelle seconde case a patto che siano nella regione di residenza. Si potrà andare a fare una gita in una località della propria regione sia con mezzi pubblici sia privati. Rimangono vietati gli spostamenti fuori regione fino al 3 giugno, con qualunque mezzo, se non per necessità urgenti lavorative o di salute.

Dal 18 maggio inoltre riapriranno molte attività commerciali e sarà possibile vedere gli amici. Rimangono ovviamente tutte le disposizioni di sicurezza da attuarsi in tutti i contesti: distanza sociale di almeno 1 metro e obbligo di mascherina in tutti gli spazi pubblici al chiuso e in tutte le situazioni in cui si parla con qualcuno sia all’aperto sia al chiuso.

CONDIVIDI
Articolo precedenteVialli sul tumore | “Temo sempre che possa ritornare” | FOTO
Articolo successivoEleonora Daniele, l’annuncio choc in diretta tv: lutto gravissimo
Giornalista, laureata in Scienze della Comunicazione, web content editor e social media manager. Ho da sempre un'innata curiosità per tutto quello che mi circonda: da bambina mi immaginavo detective e indagavo su tutto per scoprire la verità, immaginandomi protagonista di casi polizieschi e di inchieste giornalistiche (e solitamente era peluche orso il colpevole!). Ho fondato il giornalino scolastico quando avevo 9 anni e da allora non ho mai smesso di scrivere. Ho sempre lo zaino in spalla: adoro viaggiare, scoprire nuove culture, nuovi posti e poterli raccontare. Qualsiasi posto infatti racconta una storia che io voglio conoscere. Quando non scrivo al pc o non sono in viaggio, mi trovate sul palco ad improvvisare oppure a fare trekking con il mio cane o nei reparti di pediatria come clowndottore.