Facebook Messenger Rooms: cos’è e come funziona

Facebook lancia Messenger Rooms, l’app per le videochiamate di gruppo, e una serie di altre novità per sentirsi vicini anche se fisicamente lontani.

Facebook alza il velo su Messenger Rooms, l’app per le videochiamate di gruppo che consentirà agli utenti di videochiamare fino a 50 persone contemporaneamente. Non è questo, però, l’unico aggiornamento rilasciato dal colosso di Mark Zuckerberg.

Leggi anche –> Top 5. I trucchi segreti che vi sbalordiranno di Facebook Messenger

Leggi anche –> Instagram e Facebook aboliscono tre emoticon utilizzate in modo allusivo – VIDEO 

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Facebook Messenger Rooms dalla A alla Z

La nuova app di Facebook arriva in un momento in cui, a causa dell’emergenza coronavirus, l’uso di videochiamate e live streaming ha raggiunto numeri da record, complici le misure di distanziamento sociale e il ricorso diffuso allo smart working: secondo il social network di Zuckerberg nelle ultime settimane sarebbero oltre 700 milioni gli account che ogni giorno effettuano video call.

La nuova piattaforma di Facebook – disponibile già da qualche giorno in Italia in versione di test – farà diretta concorrenza a soluzioni come Houseparty o Zoom, che hanno visto il loro uso – e le loro azioni in Borsa – schizzare alle stelle in questo periodo di isolamento forzato. Consentirà agli utenti di creare delle stanze virtuali che possono ospitare fino a 50 persone connesse contemporaneamente, e accessibili da desktop che da mobile, a prescindere dal possesso di un account Facebook e senza dover scaricare alcun componente aggiuntivo. “Puoi creare la tua stanza virtuale non solo per riunioni sul momento ma anche per quelle programmate nel futuro – precisa l’azienda -. E gli inviti potranno essere esser spediti a tutti con un semplice link, anche a chi non ha un account”.

Non solo: le “stanze” possono essere create sia su Facebook che su Messenger e presto saranno introdotte anche su Instagram, WhatsApp e Portal, in linea con il progetto di Mark Zuckerberg di unificare molti dei suoi servizi in un’unica piattaforma. Quanto al nodo della privacy, Facebook sottolinea che chiunque crei la stanza può controllare chi può unirsi alla videochiamata, vietandone all’occorrenza l’accesso, e che tutti possono effettuare segnalazioni o inviare un feedback per eventuali violazioni degli standard della community.

E a breve l’universo Facebook si arricchirà di ulteriori funzionalità: su WhatsApp diventerà possibile includere fino a otto persone nelle videochiamate di gruppo, su Messenger saranno introdotti nuovi sfondi immersivi, filtri ed effetti in realtà aumentata per ricreare luoghi familiari, sul versante del live streaming tornerà la funzione “live with” per aggiungere utenti ai video in diretta e arriverà il pulsante “Donate” per avviare delle raccolte fondi, su Instagram sarà possibile guardare e commentare le dirette da desktop, mentre chi avvia un video in diretta potrà salvarla nella IGTV, ovviando così al limite delle 24 ore.

Last but not least, Messenger Kids verrà estesa a più di 70 paesi per consentire anche ai più piccoli di restare in contatto con i propri amici e familiari in tutta sicurezza, e Facebook Dating accoglierà altri aggiornamenti, (anche) per organizzare dei veri e propri appuntamenti virtuali per trovare l’anima gemella senza spostarsi da casa. Insomma, la carne al fuoco non manca…

EDS