Richard Branson | “Vendo la mia isola privata per salvare Virgin Atlantic”

Il multimilionario Richard Branson è disposto a tutto per salvare la sua compagnia aerea Virgin Atlantic. Anche privarsi della sua isola privata personale.

Richard Branson
Il buon Richard Branson pronto a tutto per salvare Virgin Atlantic Foto dal web

Richard Branson, da anni eccentrico proprietario della multinazionale Virgin, è alle prese con dei grossi problemi finanziari che riguardano l’omonima compagnia aerea.

LEGGI ANCHE –> Renzo Piano, chi è la figlia Lia Piano: età, foto, carriera e vita privata

La Virgin Atlantic vige in una situazione economica fortemente compromessa, e tutto per colpa della pandemia in atto nel mondo intero che ha limitato di molto gli spostamenti. Di conseguenza nessuno più ha potuto prendere un aereo, cosa che sta danneggiando tutte le compagnie del settore. Sir Richard Branson però non se ne starà con le mani in mano e pur di non vedere colare a picco Virgin Atlantic ha fatto sapere di avere messo in vendita la sua isola privata nei Caraibi. In questo modo intende reperire la necessaria liquidità per far si che VA sopravviva il tempo necessario per potere mettere in atto una strategia di ripresa. Questa notizia arriva dai media britannici, che riferiscono di come Branson voglia chiedere aiuto al governo Johnson. Lo stravagante Richard vanta un patrimonio da 4,7 miliardi di sterline ed attualmente è il settimo uomo più ricco di tutta la Gran Bretagna. Vive da 14 anni nelle Isole Vergini Britanniche (un paradiso fiscale, n.d.r.) dove risiede su di un’altra isola privata.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

LEGGI ANCHE –> Incidente stradale | un giovane muore carbonizzato | salvo un coetaneo

Richard Branson: “Il Governo inglese mi aiuti con Virgin Atlantic”

Lui stesso ha sottolineato quanto risulterà importante ricevere aiuto dalle strutture politiche e governative per salvare migliaia di posti di lavoro. Per quanto riguarda Virgin, da decenni la stessa è attiva in più ambiti. Negli anni ’90 esisteva una divisione software, Virgin Interactive, particolarmente attiva in ambito videoludico. Nella comunicazione abbiamo Virgin Radio e negli anni scorsi non era raro poter gustare una Virgin Cola per opera di Virgin Drinks. Il 70enne Branson poi ha fatto da main sponsor sempre con Virgin anche alla scuderia di Formula 1 ‘Brawn’, che vinse il campionato del mondo sia piloti che costruttori nel 2009.