Elena Cattaneo, chi è: età, carriera, vita privata della biologa e senatrice

Elena Cattaneo è una nota farmacologa, biologa, accademica e senatrice italiana. Ecco tutto quel che c’è da sapere su di lei. 

Nota soprattutto per i suoi importanti studi sulla malattia di Huntington e per le sue preziose ricerche sulle cellule staminali, Elena Cattaneo è una farmacologa, biologa e accademica di fama internazionale, nominata senatrice a vita il 30 agosto 2013. Conosciamola più da vicino.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI!

L’identikit di Elena Cattaneo

Elena Cattaneo è nata a Paladina, cittadina in provincia di Bergamo che nel 2003 le ha conferito la cittadinanza onoraria, il 22 ottobre 1962, accademica di fama internazionale. Nel 1986 si è laureata con lode in Farmacia e ha poi conseguito il Dottorato in Biotecnologie presso l’Università degli Studi di Milano. Ha trascorso tre anni al Massachusetts Institute of Technology (MIT) gli Stati Uniti nel laboratorio del Prof. Ron McKay, dove ha avviato studi su cellule staminali e progenitori del cervello.

Tornata in Italia ha continuato le ricerche sulle staminali e avviato nuove linee di ricerca sulla Corea di Huntington. Nel frattempo ha sposato Enzo Pirola, architetto di Brugherio e insegnante di Educazione Tecnica nella media di San Damiano, con il quale ha avuto due figli. E dal 2003 è Docente di Farmacologia all’Università degli Studi di Milano. Elena Cattaneo è anche Direttore del Centro di Ricerca sulle Cellule Staminali – UniStem – dell’ateneo. Dal 1997 il laboratorio partecipa alla “Coalition for the Cure” promossa dall’Huntington’s Disease Society of America (HDSA, New York) e alle attività di ricerca dell’Hereditary Disease Foundation (HDF, Santa Monica, California).

Come accennato, Elena Cattaneo è stata nominata senatrice a vita della Repubblica Italiana dal presidente Giorgio Napolitano insieme a Claudio Abbado, Renzo Piano e Carlo Rubbia, in quanto donna di scienza “di età ancor giovane per un forte segno di apprezzamento, incoraggiamento” per l’impegno “di vaste schiere di italiani e italiane di nuove generazioni dedicatisi con passione, pur tra difficoltà, alla ricerca scientifica”.

Andando a ritroso, nel 2001 Elena Cattaneo ha ricevuto il premio “Le Scienze” per la Medicina e la Medaglia dal Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi per gli studi sulla Corea di Huntington e sulle cellule staminali. Nel 2002 il Ministero dell’Università e della Ricerca l’ha nominata Rappresentante Nazionale presso l’Unione Europea per la ricerca Genomica e Biotecnologica (2003-2006). Nel 2005 le sono stati conferiti i premi “Marisa Bellisario” e “Chiara D’Onofrio”. E nel 2006 il Presidente della Repubblica l’ha insignita della carica di Cavaliere Ufficiale della Repubblica Italiana.

Senza dimenticare che nel 2007 Elena Cattaneo ha preso parte al Comitato Nazionale di Bioetica in qualità di membro e Vice Presidente, nel 2008, Unamsi e Novartis Farma le hanno conferito il Premio Grande Ippocrate per il ricercatore medico dell’anno. Dal 2009, infine, la scienziata è coordinatore del progetto europeo NeuroStemcell (www.neurostemcell.org) finanziato nell’ambito del 7° Programma Quadro della Ricerca Europea.

EDS