Home Dove, come e quando Estate 2020, ripartiamo dall’Italia: ecco il turismo di prossimità

Estate 2020, ripartiamo dall’Italia: ecco il turismo di prossimità

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:38
CONDIVIDI

Come cambia il turismo e i viaggi: ci sarà il turismo di prossimità. Ecco di cosa si tratta

L’estate 2020 sarà diversa da tutte le altre. Sarà un’estate in cui assieme alla crema solare dovremo mettere in borsa la mascherina. Ma sarà un’estate in cui poter andare al mare? In cui poter viaggiare e andare in vacanza? La pandemia di coronavirus ha rivoluzionato la nostra vita, cambiando profondamente alcuni aspetti che forse non torneranno più come allora e sconvolto il turismo. E’ proprio il turismo il settore più colpito e l’ultimo che rialzerà la testa: ci vorranno anni prima che il turismo torni quello di un tempo. Ma fino ad allora non si potrà viaggiare, quindi? Non proprio, avremo un altro tipo di turismo, detto turismo di prossimità.

Vacanze nella propria regione: è il turismo di prossimità

Quando la pandemia di coronavirus è esplosa in tutta la sua drammaticità anche in Italia è stato fin da subito chiaro che i viaggi fuori l’Italia si sarebbero dovuti fermare per un bel po’. Inoltre il bisogno dell’economia italiana, messa sul lastrico dall’emergenza sanitaria, di essere rilanciata e di ricevere liquidità ci ha spinto a far partire la campagna #ripartiamodallitalia, ovvero facciamo le vacanze nel nostro Paese così da poter aiutare il nostro settore turistico e la nostra economia mentre visitiamo e scopriamo le bellezze di casa nostra.

Si tornerà quindi a viaggiare per l’Italia, a conoscere il nostro Paese, i suoi borghi, le sue città e lo si farà in una maniera diversa. Per mantenere le distanze di sicurezza si eviteranno aerei e treni affollati, si andrà in macchina per poi dedicarsi a lunghe passeggiate.
Riscopriremo tradizioni del nostro Paese, prediligeremo le agricolture a km zero, andremo a conoscere il territorio più prossimo a noi e ce la prenderemo con molta più calma.

Ma il turismo di prossimità e ancora qualcos’altro in più: è la scoperta dei territori più vicini a noi, ovvero è viaggiare vicino casa, non al di fuori della nostra regione.

Le condizioni per la sicurezza sanitaria hanno imposto nel lockdown il non poter uscire dal proprio comune di residenza. L’allentamento di queste misure ci permetterà di uscire dalla nostra città ma non potremo andare molto lontano. Sebbene non siano ancora state decise le modalità e la durata delle disposizioni è probabile che saranno consentiti gli spostamenti interregionali solo per necessità documentate.

Ciò significa che quest’estate 2020 viaggeremo maggiormente all’interno della nostra regione, scopriremo il territorio, i borghi, i paesini, le bellezze naturali. Sarà un turismo che ci farà apprezzare la nostra Italia e aiuterà piano piano il nostro Paese a ripartire.

CONDIVIDI
Articolo precedenteFabrizio Corona, messaggio da brividi per il padre Vittorio: “Ti cercavo…”
Articolo successivoGiovane papà investito e ucciso: era appena stato a un funerale
Giornalista, laureata in Scienze della Comunicazione, web content editor e social media manager. Ho da sempre un'innata curiosità per tutto quello che mi circonda: da bambina mi immaginavo detective e indagavo su tutto per scoprire la verità, immaginandomi protagonista di casi polizieschi e di inchieste giornalistiche (e solitamente era peluche orso il colpevole!). Ho fondato il giornalino scolastico quando avevo 9 anni e da allora non ho mai smesso di scrivere. Ho sempre lo zaino in spalla: adoro viaggiare, scoprire nuove culture, nuovi posti e poterli raccontare. Qualsiasi posto infatti racconta una storia che io voglio conoscere. Quando non scrivo al pc o non sono in viaggio, mi trovate sul palco ad improvvisare oppure a fare trekking con il mio cane o nei reparti di pediatria come clowndottore.