Home Dove, come e quando Oggi è il Blue Monday: se vi sentite tristi ecco il perché

Oggi è il Blue Monday: se vi sentite tristi ecco il perché

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:53
CONDIVIDI

Il Blue Monday è il giorno più triste dell’anno. Ma si tratta di una bufala anche se qualcosa di vero c’è

blue monday
Che cos’è il Blue Monday: verità e bufala

Il terzo lunedì di gennaio secondo alcuni non meglio precisati calcoli matematici è il giorno più triste dell’anno – ossia il Blue Monday in inglese – per tutto il nostro emisfero. In questo giorno di gennaio vengono a galla tanti motivi di malessere: le feste sono ormai finite e perfino le ultime lucette del Natale si sono spente; il tempo è grigio e freddo; il conto in banca risente delle spese di dicembre; in prospettiva non ci sono vacanze a breve (qui i prossimi ponti del 2020); e infine i buoni propositi di inizio anno ancora non li avete nemmeno iniziati. Dopo questa sfilza se non lo eravate prima lo sarete adesso un po’ tristi. Ma c’è davvero questo Blue Monday?

Cos’è il Blue Monday: verità e bufala

Se bisogna indicare un periodo dell’anno generalmente più triste di un altro è probabile che tutti noi indicheremmo la seconda metà di gennaio. Infatti in questo periodo dell’anno ci sono più possibilità di essere tristi per via di una serie stereotipata di motivi. Se si guarda al meteo sappiamo bene che l’estate ha dalla sua il bel tempo e il sole, la primavera è la rinascita della natura, l’autunno per quanto malinconico precede le feste di Natale. L’inverno ha sì, il Carnevale che inizia però solo a febbraio nel 2020. E poi ci sono i propositi: magari il 1 gennaio avevate detto ‘andrò in palestra quest’anno’. Siamo al 20 gennaio e nemmeno ci siete passati per chiedere i costi. E poi i soldi: è probabile che siate più ‘poveri’ oggi che un mese fa, prima di Natale.

Facile dunque puntare il dito su questo periodo dell’anno, ancora più facile farlo su un lunedì che notoriamente è un giorno faticoso sempre essendo di ripresa dopo il weekend. Ma cosa c’è di vero nel Blue Monday? E’ ovvio che dire di essere il giorno più triste dell’anno è un’affermazione pretenziosa. Ognuno ha la sua storia e non può esistere un giorno che ha la stessa valenza per tutti, fosse di gioia o di tristezza. Ma c’è di più questo Blue Monday è stato inventato pressoché di sana pianta.

Secondo quanto si racconta Cliff Arnall psicologo all’Università di Cardiff avrebbe formulato l’idea del giorno più triste e la relativa equazione che porta a stabilire che si tratta del terzo lunedì di gennaio. In realtà non c’è fondamento alcuno di questa equazione e tutto nasce per una pubblicità di Sky Travel che ha creato questo concetto e che ha pagato uno psicologo affinché si assumesse la responsabilità dell’idea. L’Università di Cardiff ha preso le distanze da tutta questa operazione.

Se il Blue Monday scientificamente non esiste è importante ricordare che l’inverno porta con sé della depressione che non va affatto presa sotto gamba. Si tratta del disturbo affettivo stagionale che scaturisce dalla mancanza di luce solare. Essendoci meno luce naturale in questi mesi si altera il nostro sistema circadiano e di conseguenza il nostro umore. Per contrastare questa tristezza è importante esporsi il più possibile al sole e cercare il contatto con la natura con passeggiate nei parchi.

CONDIVIDI
Articolo precedenteSanremo 2020 | Monica Bellucci non sarà al Festival di Amadeus
Articolo successivoCoronavirus | primo occidentale colpito | “In ospedale da un mese”
Giornalista, laureata in Scienze della Comunicazione, web content editor e social media manager. Ho da sempre un'innata curiosità per tutto quello che mi circonda: da bambina mi immaginavo detective e indagavo su tutto per scoprire la verità, immaginandomi protagonista di casi polizieschi e di inchieste giornalistiche (e solitamente era peluche orso il colpevole!). Ho fondato il giornalino scolastico quando avevo 9 anni e da allora non ho mai smesso di scrivere. Ho sempre lo zaino in spalla: adoro viaggiare, scoprire nuove culture, nuovi posti e poterli raccontare. Qualsiasi posto infatti racconta una storia che io voglio conoscere. Quando non scrivo al pc o non sono in viaggio, mi trovate sul palco ad improvvisare oppure a fare trekking con il mio cane o nei reparti di pediatria come clowndottore.