Emanuela Orlandi, il fratello annuncia: “Ora basta, un altro anno senza risposte”

Il fratello di Emanuela Orlandi, Pietro, continua a cercare risposte sulla scomparsa della ragazza: l’annuncio dell’uomo sul sit-in

Emanuela Orlandi ossa cimitero teutonico
“Le ossa al cimitero Teutonico sono migliaia”, nuovi dettagli sul caso di Emanuela Orlandi

La verità ancora non esce a galla. Pietro Orlandi annuncia un sit- in in onore di sua sorella Emanuela, scomparsa più di trent’anni fa senza saperne il motivo: “Un altro anno senza risposte. Non accetteremo mai passivamente questa ingiustizia, per questo che ci incontreremo in piazza del Sant’Uffizio a Roma per ricordare il compleanno di Emanuela e soprattutto per continuare a pretendere quelle risposte che da troppi anni ci vengono negate”.

LEGGI ANCHE >>> Emanuela Orlandi è viva, clamorosa rivelazione di Ali Agca: ecco tutta la verità sul rapimento

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Emanuela Orlandi, la versione dell’avvocato

Lo stesso avvocato Laura Sgrò ha svelato ai microfoni dell’Adnkronos il suo pensiero: “Oggi è il compleanno di Emanuela, il cinquantaduesimo, e io con la sua famiglia torniamo ad appellarci al Pontefice. Sono trascorsi mesi di silenzio assoluto, un muro di gomma contro cui si è scontrata ogni nostra richiesta: istanze legittime da parte di una famiglia che da più di 36 anni aspetta di conoscere quello che è successo”. Infine, ha svelato: “In questi mesi abbiamo sentito parlare il Vaticano di indagini finanziarie, si parla di soldi e non di persone. Emanuela è una persona, una ragazza scomparsa a 15 anni, una cittadina vaticana che manca da 36 anni e che dovrebbe avere la precedenza assoluta su tutto”.