Turismo, in Italia cresce l’offerta ricettiva del settore religioso

Turismo, in Italia cresce l'offerta ricettiva del settore religiosoSecondo gli ultimi dati Istat, circa l’1,6% del turismo italiano è basato sull’offerta ricettiva proveniente dal settore religioso.

Sempre più persone in Italia e nel mondo vanno alla ricerca di monasteri e abbazie da visitare durante i propri viaggi. A dimostrazione di questa tendenza ci sono sia i dati Istat che dimostrano come l’1,6% dell’offerta turistica italiana proviene dal settore religioso, sia dai dati dell’organizzazione mondiale del turismo che mostrano come ogni anno sono circa 330.000 milioni i turisti che viaggiano con fini spirituali e 18 sono invece i miliardi di introiti che questa tipologia di turismo genera.

Incanalato all’interno del turismo culturale, quello religioso ha una caratteristica peculiare: i turisti religiosi, infatti, non vanno semplicemente alla ricerca di edifici storici da ammirare e fotografare, ma anche alla ricerca di un’esperienza di tipo mistico e spirituale. L’Italia da questo punto di vista ha molto da offrire e con il potenziamento di questo settore potrebbe far incrementare ulteriormente gli introiti derivanti dal settore turistico italiano, già molto remunerativo.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Italia, turismo religioso in aumento: ecco le mete preferite dai pellegrini 

Sebbene al momento non sia possibile offrire un quadro completo di quella che è l’offerta ricettiva da parte delle strutture religiose, secondo i dati forniti dall’Associazione Ospitalità Religiosa Italiana, sarebbero addirittura 4.000 le abbazie ed i monasteri adibiti al turismo nella nostra penisola. Un numero che potrebbe essere destinato a crescere visto che sempre più turisti vanno alla ricerca di simili strutture. Le mete preferite dai turisti, italiani e non, rimangono quelle classiche: Roma, la Città del Vaticano, Assisi, San Giovanni Rotondo e il santuario della Madonna di Loreto. Ma a questi luoghi simbolo si aggiungono 20 mila tra monasteri e conventi, 1550 santuari, 30 mila chiese e 700 musei diocesani. Ogni anno arrivano in questi luoghi 5.6 milioni di persone, 3.3 milioni sono stranieri, generando un giro d’affari importante.