Adrien Rabiot, chi è: età, carriera, vita privata del giocatore francese

Adrien Rabiot
(Getty Images)

Conosciamo meglio Adrien Rabiot: età, carriera e vita privata del calciatore francese cresciuto nel Paris Saint Germain e nuovo acquisto della Juventus.

La Juventus ha messo a segno un altro colpo importante per il centrocampo. A Torino è giunto oggi Adrien Rabiot ex centrocampista del Paris Saint Germain acquistato a parametro zero dopo la conclusione del contratto con il club parigino. Il calciatore è atteso alle visite mediche che serviranno a convalidarne il definitivo ingaggio, ma ha già firmato un quadriennale a 7 milioni di euro a stagione. Per caratteristiche tecniche il francese potrà essere utilizzato sia come vertice basso del centrocampo che come mezzala, ricoprirà dunque un ruolo essenziale come rincalzo di uno dei tre titolari.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Adrien Rabiot chi è il nuovo giocatore della Juventus

Nato a Saint-Maurice il 3 aprile del 1995, Adrien Rabiot è cresciuto nelle giovanili del Creteil-Lusitanos dove si è messo in mostra ed è stato acquistato dal Pau per poi passare al Manchester City ed infine al Paris Saint Germain. Proprio nella squadra della capitale francese muove i primi passi da professionista, debuttando a fine 2012 sotto la guida di Carlo Ancelotti a soli 17 anni. Si capisce subito che Rabiot ha qualità tecniche superiori alla norma, ma nella squadra parigina è chiusa da giocatori affermati di indubbio talento e viene girato in prestito al Tolosa dove conferma tutto il suo potenziale.

Dotato di tecnica sopraffina, abilità nel dribbling, velocità d’esecuzione e di un fisico imponente, Rabiot si segnala come uno dei prospetti più interessanti del calcio mondiale, promettendo di diventare un centrocampista completo, nonché uno dei più forti. La crescita non procede come previsto, anche a causa di una concorrenza spietata che non gli permette di accumulare sufficienti minuti nelle gambe. Nel 2017-2018, però, diventa titolare del PSG e mostra tutta la sua qualità  negli inserimenti senza palla, nelle progressioni palla al piede e nei suggerimenti in verticale per le punte. La scorsa stagione doveva essere quella della definitiva consacrazione, ma Rabiot è stato messo fuori rosa perché si è rifiutato di rinnovare il contratto.