Roma, rubano la bici a un bimbo disabile: il gesto della Polizia commuove tutti

Il piccolo Giorgio ha “perso” la sua bici. Per aiutarlo, la Polizia Locale ha lanciato un appello che sta facendo molto discutere.

Una raccolta fondi per aiutare Giorgio, il bimbo disabile di Roma cui è stata rubata la bicicletta, a riavere indietro il maltolto. Questa la lodevole iniziativa lanciata dalla Polizia Locale, che ha promesso al piccolo: “La cercheremo ovunque”. Un’iniziativa che ha fatto ben presto il giro del web (e non solo), commuovendo molti. “Il Corpo esprime massima solidarietà ai genitori di Giorgio – spiega il comandante Antonio Di Maggio – che ha subito tale sopruso e tale ingiustizia”.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

La promessa della Polizia al piccolo Giorgio

L’obiettivo dichiarato è ritrovare la “speciale” tre ruote a pedalata assistita di Giorgio. “Faremo del nostro meglio per restituirla al legittimo proprietario – sottolinea in una nota il Comandante Di Maggio -, cercandola in ogni dove e prestando massima attenzione, anche nel corso dei nostri interventi. Gesti del genere sono riprovevoli”. Difficile dargli torto.

Di qui l’invito del comandante a tutti gli agenti “a darsi da fare”, e un appello “affinché chi si è macchiato di questo reato possa comprenderne la gravità, riconsegnando spontaneamente l’oggetto del furto, considerato che di mezzo c’è la salute psico fisica di un bambino”. “Ho avviato, comunque, una raccolta fondi interna – continua Di Maggio – , in modo tale che tutti gli agenti possano rendersi utili e contribuire all’acquisto di una nuova bicicletta, con le caratteristiche idonee alle esigenze del piccolo”.

I genitori di Giorgio, stupiti e commossi da tanta partecipazione, ringraziano tutti coloro che hanno espresso affetto, vicinanza  e solidarietà al loro bambino. Perché – dicono – questa storia dimostra che la forza del bene supera di gran lunga la meschinità di chi ha voluto compiere un gesto così vile. E il finale, si spera a lieto fine, è ancora tutto da scrivere…

EDS