Home News Festival di Sanremo, si finge senatore per entrare gratis: arrestato

Festival di Sanremo, si finge senatore per entrare gratis: arrestato

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:31
CONDIVIDI
(Websource / archivio)

L’originale trovata di un aspirante spettatore del Festival di Sanremo non è andata a buon fine. Ora il “furbetto” dovrà vedersela con la giustizia.

Cosa non si farebbe per assistere al Festival di Sanremo 2019… Anche fingersi senatore, ebbene sì. A cimentarsi nel rocambolesco “travestimento” è stato un 43enne di Napoli che, però, non è stato fortunato come sperava: la Polizia si è infatti accorta di tutto e l’ha arrestato con l’accusa di sostituzione di persona.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Un piano (quasi) perfetto

Le indagini sono partire da una denuncia dei vertici della Rai su una sospetta corrispondenza per e-mail intrattenuta dall’ufficio stampa dell’azienda con un soggetto che si spacciava per il Senatore della Repubblica Sergio ZAVOLI e chiedeva per il capo del proprio ufficio stampa, suo “pupillo”, un accredito per l’imminente Festival sanremese. E’ bastato incrociare pochi dati per accorgersi che era tutta una montatura.

L’operazione è stata condotta dalla Polizia Postale e delle Comunicazioni, che ha eseguito una perquisizione locale ed informatica nei confronti dell’uomo, contestandogli poi il reato di “sostituzione di persona” per aver attivato un falso dominio denominato “Senato.eu”, e quindi diverse caselle di posta elettronica (una delle quali riportava addirittura quello dell’ex Capo dello Stato Giorgio Napolitano), al fine di ottenere dalla Rai un accredito per il prossimo 69° Festival di Sanremo.

A emettere il provvedimento di sequestro del dominio “Senato.eu”, e del contenuto di tutte e sei le caselle di posta elettronica associate al medesimo spazio web, è stata la Procura della Repubblica di Roma, titolare dell’indagine. Il provvedimento è stato notificato al 43enne presso la sua abitazione e ha portato al sequestro di diversi computer e supporti informatici, tra cui ben 7 hard disk, utilizzati per lo svolgimento dell’attività illecita. Il suo astutissimo piano potrebbe ora costargli molto caro…

EDS