CONDIVIDI
(Websource / archivio)

Anche le canzoni hanno le loro statistiche. E analizzando quelle di Sanremo 2019 escono fuori risultanti in qualche caso sorprendenti.

Ventiquattro brani dei Campioni, per un totale di 7.393. Sono (anche) questi i numero di Sanremo 2019. Testi fatti di parole, la cui analisi statistica può rivelare aspetti decisamente interessanti. E’ quanto rivelano i colleghi del settimanale Tv Sorrisi e canzoni, che ha appunto passato al setaccio le parole (e le frasi) più frequenti nei testi che saranno cantati di qui a poche ore sul palco dell’Ariston, letti in anteprima alla ricerca dei termini ricorrenti.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Statistiche e ricorrenze nelle canzoni del Festival

In testa alla “top ten” c’è – manco a dirlo – la parola “amore”, presente in ben 59 occasioni. Un ritorno prepotente, visto che l’anno scorso aveva vinto a sorpresa il pronome e sostantivo “niente”, col più di 40 presenze nei testi sanremesi. A seguire il verbo “vedere” (anche nella versione dialettale “vedè”) con un totale di 38 occorrenze, mentre sul terzo gradino del podio si piazza “cuore” con 30 citazioni. Da segnalare anche la presenza dell’avverbio “perché”, ripetuto ben 29 volte!

Più nel dettaglio, Einar e Nek cantano la parola “amore” addirittura dieci volte per uno. Altra parola gettonatissima è “mondo”, che fa capolino in ben 10 canzoni, mentre “mare” (18 occorrenze) ne comprende sette canzoni (senza considerare “maree” degli Zen Circus), “abbracciami” appare in quattro canzoni, in tre delle quali ricorre addirittura nel ritornello (Ex-Otago, Il Volo, Simone Cristicchi), e sono sei gli artisti che utilizzano la parola “fragile” (Berté, Ghemon, Cristicchi, Irama, Nigiotti, Turci).

Menzione speciale per Mahmood, che ripete “come va” la bellezza di 31 volte. Sempre a proposito di ripetizioni quelle di “Rolls Royce” di Achille Lauro sono 18, quelle di “fammé vedè” Livio Cori e Nino D’Angelo 13, quelle di “Non dormirò” di Enrico Nigiotti 11 volte. Detto questo, c’è spazio anche per l’originalità: sono qualcosa come 1660 (pari al 22% del totale) le parole che vengono pronunciate una volta  e basta. Last but not least, le parole più lunghe sono “interagiscono” (Daniele Silvestri) “riconsiderare” (Patty Pravo e Briga) e “addomesticare” (Zen Circus).

EDS