CONDIVIDI
(foto pubblico dominio)

Abusi su pazienti anche minorenni con la scusa di visitarle: arrestato noto cardiologo di 68 anni a Urbino, usava metodi particolari.

Un cardiologo di 68 anni è stato arrestato oggi dai carabinieri per violenza sessuale aggravata su 9 pazienti, due delle quali minorenni. Accade a Urbino, nel nord delle Marche. Le due minori hanno 16 anni la più grande e addirittura appena 12 la più piccola. A far partire la denuncia è stata la mamma dell’adolescente che si era sentita toccare le parti intime per una semplice visita generale a fini sportivi.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

I metodi del cardiologo per abusare delle pazienti

La vicenda sta facendo molto scalpore: subito dopo la prima denuncia, infatti, i carabinieri ne hanno raccolte altre. Nel frattempo, i militari dell’Arma avevano già provveduto a installare delle microtelecamere nei due ambulatori dove il medico riceveva le pazienti. Così è emerso che il cardiologo, esattamente come aveva fatto con la ragazza di 16 anni, era solito controllare l’arteria femorale, per sentire la pressione sanguigna, e con questo escamotage poi compiere abusi sulle pazienti.

Le pazienti coinvolte, a parte una donna sulla sessantina, sono tutte giovani. Inoltre, il cardiologo, spiegando di dover sentire la pressione sanguigna del braccio, avvicinava la mano delle pazienti ai suoi genitali. Le accuse nei suoi confronti sembrano dunque essere gravissime. Per tale ragione, il medico è stato posto ai domiciliari per violenza sessuale aggravata dal rapporto di fiducia che c’era tra paziente e medico. Nell’inchiesta, non sarebbero coinvolte le due aziende sanitarie presso le quali il cardiologo prestava i propri servizi.