Storie Italiane, Mondragone e lo scandalo pedofilia

Mondragone
(Screenshot)

Storie Italiane, Mondragone e lo scandalo pedofilia. 

Prosegue l’inchiesta di Storie Italiane su quello che accade a Mondragone dove è stato scoperto uno squallido giro di prostituzione minorile. Un nuovo servizio mostra ragazzi e ragazze molti dei quali minorenni e molti dei quali provenienti dall’Africa. La domande è: chi gestisce questo giro di prostituzione minorile? “Dopo il nostro intervento dei giorni scorsi – spiega Eleonora Daniele- nulla è cambiato. Si sono solo spostati ma continuano ad esserci bambini e ragazzini che si prostituiscono”.

Solo pochi giorni fa, con l’inviato in diretta in quel luogo, è successo qualcosa di incredibile. Mentre era in corso il collegamento dal lungomare di Mondragone, un luogo già tristemente noto per essere teatro di prostituzione minorile quotidiana, ad un certo punto il giornalista chiede nuovamente la linea allo studio per far notare che proprio in quel momento sta andando in scena un adescamento: un ragazzino di 15 anni viene avvicinato da un’auto con a bordo un anziano. Risulta subito chiaro che tutti, pubblico compreso, stanno assistendo ad un reato commesso proprio in quel momento. E’ anche per questo che la conduttrice Eleonora Daniele prende in mano la situazione e invita il so inviato a chiamare immediatamente il 112 per far intervenire i Carabinieri. Sul posto arriva per prima la Polizia Locale che prende nota della targa del veicolo dell’uomo, poi giungono anche Polizia di Stato e i militari dell’Arma.  Lorenzo Galizia, comandante del nucleo operativo radiomobile dei Carabinieri di Mondragone, spiega: “Stiamo monitorando già questo fenomeno di prostituzione minorile da diverso tempo. Con l’autorità giudiziaria di Napoli ci siamo mossi per fare dei servizi molto più approfonditi, che possono partire da un’osservazione come quella di stamane, ma che necessitano di altre attività molto più particolareggiate per poter poi andare a un processo”.