CONDIVIDI

Uno spaventoso incendio vicino Livorno è avvenuto sulla Fi-Pi-Li all’altezza del collegamento con l’A12 e l’Aurelia: le strade sono state chiuse.

Vicino Livorno, precisamente a Stagno, si è sviluppato uno spaventoso incendio ai margini della Fi-Pi-Li che ha costretto alla chiusura del tratto della strada di grande comunicazione dall’allacciamento con l’A12 all’Aurelia, in direzione Livorno. L’incendio, avvenuto alle ore 16 circa, è divampato sul terreno circostante alla carreggiata ed ha causato una cortina di fumo impenetrabile allo sguardo. I vigili del fuoco sono intervenuti celermente sul posto ed assieme alla polizia stradale hanno iniziato le pratiche per la messa in sicurezza dell’area.

Leggi anche —> Incendio in un hotel di Silvi Marina, evacuate 300 persone

Incendio sulla strada di grande comunicazione Fi-Pi-Li: code di due chilometri

L’incendio avvenuto a Stagno, nei pressi di Livorno, è divampato alle 16 circa di oggi sul tratto autostradale della strada di grande comunicazione Fi-Pi-Li, all’altezza dell’allacciamento con la A12 e l’Aurelia, a causa di un terreno circostante le carreggiate. Alcune sterpaglie poste sul terreno vicino al manto autostradale, infatti, hanno preso fuoco fra Stagno e lo svincolo della Fi-Pi-Li verso Livorno creando una cortina di fumo che ha costretto alla chiusura del tratto da parte delle Forze dell’Ordine. Sono intervenuti sul posto i Vigili del fuoco, anche con un elicottero, ambulanze e polizia stradale. Non risulta vi siano state vittime fra gli automobilisti ma la momentanea cecità dovuta alla cortina di fumo è stata fonte di paura per molti fra i guidatori che hanno attraversato il tratto della Fi-Pi-Li.

Leggi anche —> Cinecittà in fiamme, incendio devastante sul set dell’Antica Roma

La superstrada è rimasta chiusa per più di due ore in entrambe le direzioni ed il disagio per la circolazione non è stato certamente di lieve entità. Si segnalano, infatti, code di circa due chilometri nel tratto della strada di grande comunicazione Fi-Pi-Li ma le condizioni della viabilità si stanno facendo via via più regolari.

Marta Colanera