CONDIVIDI

Contratto di Governo, ecco le possibili definizioni: Di Maio, Salvini e Berlusconi. La giornata di oggi potrebbe portare a una novità importante legata al nostro paese. Dopo le elezioni dello scorso 4 marzo infatti si è nettamente in ritardo nella formazione del Governo che è ancora fermo nonostante siano passati praticamente tre mesi.

Le decisioni devono essere prese, ma i tanti tavoli politici messi in piedi in questo momento non stanno regalando quanto ci si aspettava. Tutti vorrebbero collaborare per cercare di trovare una soluzione, nessuno riesce però a tracciare la strada che potrebbe regalare una soluzione. Al momento le cose si stanno decisamente complicando, ma nessuno vuole giustamente darsi per vinto e si cercano delle soluzioni.

Contratto di Governo, ecco le possibili definizioni

Le ultime parole sono quelle del leader del Movimento 5 Stelle Luigi Di Maio che dopo il tavolo politico con la Lega ha sottolineato: “Se serve a fare partire il Governo io e Salvini fuori”. Stasera intanto è previsto un nuovo incontro proprio tra Luigi Di Maio e Matteo Salvini. Ad annunciarlo sono fonti molto vicine al Movimento 5 Stelle come sottolinea il portale dell’Ansa.

Viene sottolineato: “Si sta procedendo davvero molto bene. Siamo davvero soddisfatti del lavoro che stiamo compiendo con uno spirito di fattiva ed onesta collaborazione”. Intanto Matteo Salvini sottolinea: “Entro oggi ci riaggiorniamo e cerchiamo di vedere se riusciamo a chiudere. Poi passeremo ai nomi, ma abbiamo fatto dei passi in avanti”. Tutte le parti remano verso uno stesso obiettivo anche se con idee molto diverse e con sensazioni che non possono coincidere al momento.

Matteo Salvini sottolinea come non sarà mai un ostacolo alla nascita del nuovo governo, ma vuole che nel contratto ci sia la difesa dei confini e anche un ministro della Lega a fare da Garante. Una soluzione si troverà e non è da escludere che già stasera ci possano essere delle importanti novità. Staremo a vedere come si muoverà il paese alla ricerca di un’identità che ormai da troppo tempo si richiede e si cerca di sviluppare di fronte alle varie difficoltà incontrate nelle ultime settimane, diciamo anche negli ultimi mesi.