CONDIVIDI
Italia di Di Biagio
Gigi Di Biagio © Getty Images

Ci siamo. Inizia la (breve?) era Gigi Di Biagio alla guida della Nazionale Italiana di calcio. Dopo la clamorosa eliminazione dell’Italia di Ventura, che non parteciperà ai prossimi Mondiali in Russia, il calcio italiano attraversa un momento particolare, di cambiamento, per non dire di rivoluzione. E la domanda che tutti i calciofili si fanno in questo momento non può che essere una: come giocherà l’Italia di Di Biagio?

Sono giorni che si sprecano speculazioni sull’atteggiamento che attuerà il nuovo allenatore in campo, cercando in primis di adattare meglio i moduli alle forze a disposizione. Era questo infatti uno dei punti deboli di quella che è stata l’Italia di Ventura, che sembrava sempre adattare gli uomini al modulo e non viceversa. Di Biagio invece, anche a giudicare dalle prime interviste, appare più orientato a valorizzare i maggiori talenti a disposizione adeguando ad essi il modulo. L’ex ct dell’Under 21 sta già preparando le prossime sfide amichevoli contro Argentina e Inghilterra. Contro l’Albiceleste si giocherà il 23 marzo all’Etihad Stadium di Manchester, 19.45 locali, 20.45 italiane e martedì 27 marzo al Wembley Stadium di Londra, ore 20 locali, 21 italiane.

Nazionale, come giocherà l’Italia di Di Biagio? Il 4-3-3 che ha in mente il ct

Italia Di Biagio
Il 4-3-3 di Di Biagio

Cerchiamo quindi di capire come giocherà l’Italia di Di Biagio e come il nuovo commissario tecnico ha intenzione di schierare in campo i 26 calciatori convocati per queste prime due amichevoli. La base di partenza dovrebbe essere un 4-3-3 atto a mettere particolarmente in mostra calciatori che con Ventura stavano giocando poco e che invece rappresentano i maggiori interpreti del calcio più bello in questo momento in Italia: quello del Napoli di Sarri. E proprio dai napoletani dovrebbe partire l’Italia di Di Biagio.

Il fulcro del centrocampo sarà Jorginho, affiancato da un Verratti mezzala (altra novità del nuovo corso) e un incursore che dovrebbe provenire dalla nouvelle vague: Cristante o Pellegrini, da loro riparte la Nazionale. In difesa, senza Chiellini infortunato, davanti a capitan Buffon i due centrali saranno Bonucci e Rugani con Florenzi e Darmian sulle fasce. Possibile alternativa tattica l’inserimento di De Sciglio (in gran forma) spostando Florenzi sulla linea di centrocampo. In avanti si riparte da Candreva-Immobile-Insigne, visto il momento di forma non eccelso di Belotti. Nel corso delle due amichevoli, comunque, ci sarà spazio anche per i giovanissimi Chiesa e Cutrone, punti di partenza della Nazionale che verrà. Curiosità anche per Simone Verdi, esterno del Bologna che Di Biagio userà come jolly offensivo.

Nazionale, i 26 convocati della nuova Italia di Di Biagio

E vediamoli, i 26 convocati di Di Biagio per la nuova Italia. Nella lista c’era anche Chiellini, che però ha dovuto dare forfait lasciando il posto ad Ogbonna.

Portieri: Gianluigi Buffon (Juventus), Gianluigi Donnarumma (Milan), Mattia Perin (Genoa).

Difensori: Leonardo Bonucci (Milan), Angelo Ogbonna (West Ham), Matteo Darmian (Manchester United), Mattia De Sciglio (Juventus), Gianmarco Ferrari (Sampdoria), Alessandro Florenzi (Roma), Daniele Rugani (Juventus), Leonardo Spinazzola (Atalanta), Davide Zappacosta (Chelsea).

Centrocampisti: Giacomo Bonaventura (Milan), Bryan Cristante (Atalanta), Roberto Gagliardini (Inter), Jorge Luiz Frello Jorginho (Napoli), Marco Parolo (Lazio), Lorenzo Pellegrini (Roma), Marco Verratti (Paris Saint Germain).

Attaccanti: Andrea Belotti (Torino), Antonio Candreva (Inter), Patrick Cutrone (Milan), Federico Chiesa (Fiorentina), Ciro Immobile (Lazio), Lorenzo Insigne (Napoli), Simone Verdi (Bologna).