CONDIVIDI
Donna cacciata a forza da un aereo (Screenshot YouTube)

Non è la prima volta che accade che su voli americani un passeggero venga cacciato con la forza dall’aereo sul quale era già a bordo e pronto per partire. Qualche tempo fa ci fu il caso incredibile di un medico di 69 anni che fu preso con la forza e buttato fuori da un aereo della United Airlines perché si era rifiutato di rinunciare al suo posto a causa di un problema di overbooking, ovvero quando la compagnia aerea vende più biglietti dei posti disponibili per essere sicura di riempire l’aereo, visto che può capitare che non tutti i passeggeri si presentino o disdicano la prenotazione all’ultimo. Quando però tutti salgono a bordo, sono guai.

Donna cacciata a forza dall’aereo: un altro caso negli Usa

Questa volta la brutta esperienza è capitata ad una giovane donna, imbarcata su un volo della Southwest Airlines, compagnia aerea statunitense con sede a Dallas. Il volo stava per partire da Baltimora, diretto a Los Angeles. La donna è stata cacciata a forza dall’aereo dopo aver riferito al personale di bordo di essere allergica ai cani, che in effetti erano presenti nell’aereo. Un trattamento quantomeno curioso per un passeggero che riferisce al personale di avere un problema.

Sicuramente il personale era preoccupato che la giovane donna potesse avere una brutta reazione allergica durante il volo, ma buttarla fuori in quel modo è abbastanza vergognoso come trattamento riservato da una compagnia aerea ad un suo cliente.

La giovane donna è stata prelevata a forza dalla polizia del Maryland, tre agenti sono intervenuti per cacciarla dall’aereo. La giovane ha protestato e urlato mentre veniva trascinata per il corridoio, ha implorato di non essere portata via dall’aereo perché il giorno dopo suo padre avrebbe avuto un intervento chirurgico. Nel video si sete la donna chiedere ai poliziotti di non trascinarla e di non toccarla, che avrebbe camminato da sola, perché nell’uso della forza le hanno abbassato i pantaloni.

Come se non bastasse la donna è stata anche arrestata e incriminata per comportamento ostile, rifiuto di obbedire ad un ordine della polizia, disturbo della quiete pubblica e resistenza all’arresto. È stata portata davanti alla Corte della contea di Anne nel Maryland e rilasciata solo dopo essere stata formalmente accusata dei reati che avrebbe commesso.

Tutta la scena della cacciata della povera donna dall’aereo è stata ripresa da un altro passeggero e il video è stato diffuso sul web, suscitando diverse polemiche. Solo dopo la diffusione del video e la cattiva pubblicità per la Southwest Airlines la compagnia aerea si è scusata: “Offriamo pubblicamente le nostre scuse a questa cliente per la sua esperienza e la contatteremo personalmente per rispondere alle sue rimostranze”. La compagnia tuttavia si è giustificata spiegando che le sue “regole prevedono di negare l’imbarco ad un cliente che, se sprovvisto di certificato medico, sostenga di poter avere reazioni allergiche potenzialmente letali e non può volare senza problemi per la presenza di animali a bordo”.

Anche se la compagnia non consentiva la presenza a bordo di persone allergiche ad animali, a loro volta a bordo, non era il caso di comportarsi diversamente?

VIDEO: la donna mentre viene cacciata a forza dall’aereo