ViaggiNews

In Australia piovono squali dal cielo –VIDEO

venerdì, 31 marzo 2017

Squalo piovuto dal cielo Credit: Twitter/Qld Fire & Emergency‏Account

Squalo piovuto dal cielo Credit: Twitter/Qld Fire & Emergency‏Account

Ancora una volta la realtà supera di gran lunga la fantasia. Si perché quello che è successo in Australia sembra uscito dalla sceneggiatura di qualche B.movie. Quale? Stiamo parlando di Sharknado, pellicola diretta nel 2013 da Anthony Ferrante; nel film tornado e trombe d’acqua sollevano degli squali in aria, scaraventandoli all’interno della città. E generando il panico.

Se vi sembra una assurdità sappiate che il film, per gli amanti del genere, ha riscosso talmente tanto successo che, nonostante il basso costo, e la scarsità degli effetti speciali, ha dato il là ad un filone di tre sequel (Sharknado 2 – A volte ripiovono, Sharknado 3, e Sharknado 4).

Ma torniamo alla realtà: siamo nel Queensland, Australia. Le coste a est del paese negli ultimi giorni sono state duramente colpite da un ciclone tropicale chiamato Debbie.

Si sono registrati danni ingenti ma per fortuna nessun ferito grave. La vera notizia è stato il ritrovamento fatto nella mattinata del 30 marzo 2017: uno squalo toro è stato trovato morto in una pozzanghera nella città di Ayr, poco più a nord del punto colpito dal ciclone.

I vigili del fuoco, esterrefatti davanti al ritrovamento, hanno condiviso le foto del povero squalo su Twitter, raccomandando agli abitanti della zona di tenersi lontani dalle acque alluvionali che hanno riempito attualmente l’area. “Pensate che sia sicuro entrare in acqua? Ripensateci! Uno squalo toro è stato ritrovato a Ayr. Rimanete fuori delle acque alluvionali”.

Non è ancora chiaro come il bestione sia giunto fino a lì: le stesse autorità, capendo il forte rischio di diventare una barzelletta, hanno preferito sorvolare sulla dinamica di come il pescecane sia arrivato fino a lì. Siamo sicuri che da oggi, se vi troverete nel territorio australiano, in caso di pioggia sarà meglio restarsene a casa.

di Lorenzo Ceccarelli

Tags:

Altri Articoli Interessanti: