Una delle scalinate più belle del mondo si trova in Italia. Ecco dove…

0
8
La Escala de Cabriol
La Escala de Cabriol

E’ una della scalinate più belle del mondo e gradino dopo gradino vi sembrerà di tuffarvi nel mare più blu che esista, circondati da una vegetazione rigogliosa e inebriati dai profumi di rosmarino e timo. L’Escala de Cabriol è una scalinata di 656 gradini a picco sul mare e per la sua maestosa scenografia è considerata una delle più belle scalinate del mondo.

L’Escala de Cabriol si trova tra le falesie del promontorio di Capo Caccia, ad Alghero, in Sardegna. E’ stata costruita nel 1959 per permettere una facile via d’accesso alle straordinarie Grotte di Nettuno fino ad allora accessibili solo via mare. Il nome è in catalano e significa ‘scala del capriolo’ in omaggio ai caprioli che vivono su cime impervie e alla particolare conformazione del territorio.

Il modo migliore per visitare le Grotte di Nettuno è proprio quello di utilizzare le scale per arrivarci e poi prendere un traghetto (se non si ha voglia di fare 656 gradini) per andare via. Le Grotte di Nettuno sono delle splendide grotte di formazione carsica scoperte nell’800 casualmente da un pescatore. Da allora sono diventate un’attrazione turistica che attira migliaia di visitatori all’anno.

Le Grotte sono lunghe circa 4 km, ma solo poche centinaia di metri sono visitabili. All’interno ci sono conformazioni calcaree come stalattiti e stalagmiti e un lago salato di 120 mt di lunghezza. Le grotte sono visitabili dal 1 aprile al 31 ottobre ed il biglietto costa 13 euro. C’è chi sostiene che sia più bella la scalinata delle grotte. Insomma, non perdetevela!

 

Previous articleCome raggiungere Lisbona dall’aeroporto
Next articlePasqua 2016 a Roma: tutti i riti della Settimana Santa
Giornalista, laureata in Scienze della Comunicazione, web content editor e social media manager. Ho da sempre un'innata curiosità per tutto quello che mi circonda: da bambina mi immaginavo detective e indagavo su tutto per scoprire la verità, immaginandomi protagonista di casi polizieschi e di inchieste giornalistiche (e solitamente era peluche orso il colpevole!). Ho fondato il giornalino scolastico quando avevo 9 anni e da allora non ho mai smesso di scrivere. Ho sempre lo zaino in spalla: adoro viaggiare, scoprire nuove culture, nuovi posti e poterli raccontare. Qualsiasi posto infatti racconta una storia che io voglio conoscere. Quando non scrivo al pc o non sono in viaggio, mi trovate sul palco ad improvvisare oppure a fare trekking con il mio cane o nei reparti di pediatria come clowndottore.