Home Eventi Eventi | Notti tricolori a Torino e Firenze: ecco i programmi

Eventi | Notti tricolori a Torino e Firenze: ecco i programmi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:26
CONDIVIDI
La Mole Antonelliana colorata di Tricolore (foto dal web)

EVENTI NOTTI TRICOLORI 150 UNITA ITALIA TORINO FIRENZE / ROMA – Torino ha guidato l’Unità d’Italia, Torino è stata la prima capitale dell’Italia Unita (1861-65), e stanotte la capitale sabauda si vestirà di tricolore per festeggiare i 150 anni dell’Unità. Al via alle ore 20 in piazza San Carlo con la Banda della Brigata Alpina Taurinense che suonerà l’Inno di Mameli. La Mole Antonelliana sarà illuminata da tre cornici di colore, naturalmente, bianco, rosso e verde. A Piazza Vittorio spettacoli teatrali, negozi aperti e concerti fino a notte inoltrata. Appuntamento poi a Palazzo Madama dove è stata ricostruita la sala che ospitò il primo Senato del Regno d’Italia. Da non perdere i fuochi d’artificio a Ponte Vittorio Emanuele.
Dal 17 marzo partirà ‘Esperienza Italia’ 250 giorni di mostre, manifestazioni e concerti sull’Unità d’Italia.

FIRENZE – La seconda capitale del Regno d’Italia (1865-71) festeggia i 150 anni dell’Unità colorandosi di bianco, rosso e verde. Tutti i principali palazzi di Firenze e i luoghi simbolo del capoluogo gigliato saranno infatti investiti di luci tricolori. Spettacoli e concerti a Piazza della Signoria, a Piazza Duomo gli artigiani della bandiera, in Piazza Santa Croce lettura di alcuni canti della Divina Commedia. A mezzanotte verrà esposta la bandiera Italiana sul tetto del Nuovo Teatri del Maggio e poi fuochi d’artificio illumineranno la città.

CONDIVIDI
Articolo precedenteEventi | Roma, notte tricolore: ecco il programma
Articolo successivoNews | Happy Birthday Italia: festa culinaria nel mondo
Giornalista, laureata in Scienze della Comunicazione, web content editor e social media manager. Ho da sempre un'innata curiosità per tutto quello che mi circonda: da bambina mi immaginavo detective e indagavo su tutto per scoprire la verità, immaginandomi protagonista di casi polizieschi e di inchieste giornalistiche (e solitamente era peluche orso il colpevole!). Ho fondato il giornalino scolastico quando avevo 9 anni e da allora non ho mai smesso di scrivere. Ho sempre lo zaino in spalla: adoro viaggiare, scoprire nuove culture, nuovi posti e poterli raccontare. Qualsiasi posto infatti racconta una storia che io voglio conoscere. Quando non scrivo al pc o non sono in viaggio, mi trovate sul palco ad improvvisare oppure a fare trekking con il mio cane o nei reparti di pediatria come clowndottore.