Giappone | Hotel capsula di design: ecco il 9Hours

GIAPPONE HOTEL CAPSULA/ TOKYO (Giappone)  – Giapponesi. Minimalisti, almeno apparentemente, nelle emozioni e negli spazi. Anche quelli per dormire. A Tokyo negli anni ’70 furono progettati i primi hotel-capsula: alveari-loculi a buon prezzo, atti ad ospitare i ‘salarymen’ che avevano perso l’ultimo treno per tornare a casa. Spazio ridotto all’osso, utile solo per non passare una notte all’adiaccio (e pazienza per gli incubi claustrofobici). Ora il 9Hours di Kyoto ha riformulato questo concetto di hotel-capsula grazie ad un design elegante e minimal, che fa assomigliare l’albergo ad un’astronave e le capsule per dormire a delle cellette per monaci, per ospitare anche turisti low cost. Certo, le dimensioni delle capsule sono sempre molto ridotte (2 metri per uno), gli spazi per cambiarsi sono comuni (per le donne c’è un’area dell’hotel riservata), ma nel caro Giappone ha prezzi abbordabili (44 euro a notte). Chi l’ha provato parla di un’esperienza unica e divertente. Ovviamente per apprezzare il minimal made in Japan non dovete temere gli spazi angusti, nè tantomeno la vicinanza, molto stretta, con degli sconosciuti.

Previous articleParigi | Tour nostalgico a bordo della Citroen C2
Next articleMeteo | Neve sull’Italia
Giornalista, laureata in Scienze della Comunicazione, web content editor e social media manager. Ho da sempre un'innata curiosità per tutto quello che mi circonda: da bambina mi immaginavo detective e indagavo su tutto per scoprire la verità, immaginandomi protagonista di casi polizieschi e di inchieste giornalistiche (e solitamente era peluche orso il colpevole!). Ho fondato il giornalino scolastico quando avevo 9 anni e da allora non ho mai smesso di scrivere. Ho sempre lo zaino in spalla: adoro viaggiare, scoprire nuove culture, nuovi posti e poterli raccontare. Qualsiasi posto infatti racconta una storia che io voglio conoscere. Quando non scrivo al pc o non sono in viaggio, mi trovate sul palco ad improvvisare oppure a fare trekking con il mio cane o nei reparti di pediatria come clowndottore.