ViaggiNews

Immacolata 2015. I Mercatini di Natale di Santa Maria Maggiore

giovedì, 19 novembre 2015

A tourist looks at Christmas decorations 24 November 2007 during the opening to the public of the Strasbourg Christmas market, which is the largest and one of the oldest French Christmas markets and attracts thousands of visitors every year.  The market dates back to 1570 and is known in the local Alsatian dialect as Christkindelsmarik.  AFP PHOTO / FREDERICK FLORIN (Photo credit should read FREDERICK FLORIN/AFP/Getty Images)

Getty Images

Torneranno nel Ponte dell’Immacolata e, dopo la positiva esperienza del 2014, si svolgeranno ancora nell’arco di tre giornate i Mercatini di Natale di Santa Maria Maggiore, splendido borgo di montagna della Valle Vigezzo, nell’alto Piemonte.

Un paese che ogni anno accoglie oltre 200 espositori, protagonisti assoluti del mercatino natalizio più grande di tutto il Piemonte e ormai tra i più grandi e suggestivi di tutta Italia: in questa porzione di Alpi Piemontesi i visitatori potranno vivere tre giornate all’insegna dello shopping pre-natalizio, alla scoperta della tipica architettura e gastronomia di montagna, anche grazie agli allestimenti semplici ed eleganti che impreziosiranno vie e piazze del borgo alpino.

Organizzati anche quest’anno, il diciassettesimo, dalla Pro Loco e dal Comune di Santa Maria Maggiore, coinvolgeranno l’intero centro storico: ad accogliere i 200 espositori le caratteristiche stradine lastricate e le intime piazzette, in una rinnovata disposizione che renderà ancora più fruibile la visita, incorniciata dalle vette innevate e dalle luci natalizie che abbelliranno ogni angolo. Ad accompagnare il percorso dei visitatori ci saranno le suggestive stufette ricavate nei tronchi d’abete, una tradizione che affascina e riscalda nelle fredde giornate del Ponte dell’Immacolata. Ma anche tante golosità, come il profumato vin brulè, il corroborante caffè vigezzino, i golosissimi stincheet, gustose caldarroste e piatti tipici da gustare nei vari punti ristoro – potenziati rispetto al 2014 – ospitati nel centro storico.

Visitatori da ogni parte d’Italia (attese comitive da Campania, Marche, Lazio, Veneto, Toscana, Lombardia, oltre che dalla vicina Svizzera), giungeranno qui per cercare il regalo ideale tra i 200 espositori di artigianato, hobbismo e prodotti enogastronomici di qualità, e – nei caratteristici chalet di legno – 10 produttori in rappresentanza dell’Eccellenza Artigiana del Verbano Cusio Ossola: questa ampia scelta di prodotti di qualità, dunque, rappresenta la vera chiave del successo della manifestazione. Ma oltre ad acquistare originali e artigianali idee regalo, i visitatori avranno la possibilità di ammirare l’intero paese vestito a festa con addobbi e decorazioni luminose che valorizzeranno gli angoli già suggestivi di questo borgo di montagna innevato.

Molte le novità rispetto alle passate edizioni, a partire dagli appuntamenti collaterali nelle vie e piazze del paese, che andranno a comporre un calendario decisamente arricchito rispetto al passato: dalle immancabili e amatissime esibizioni dei corni delle Alpi all’arte dei numerosi artisti di strada e ancora cornamuse, jazz band, cori gospel e bandelle alpine itineranti che reinterpreteranno i grandi classici del Natale.

Un rinnovato percorso di visita con la modifica della disposizione delle 200 bancarelle, che permetterà una passeggiata ancor più piacevole, rendendo più ampia l’area dedicata ai mercatini natalizi. Ancora, i punti di ristoro, potenziati e rinnovati anch’essi, per dare un’offerta ancora più variegata e sempre di qualità.

Ma è sul fronte della sostenibilità dell’evento che le novità diventano ancor più interessanti. Quest’anno, infatti, gli organizzatori hanno voluto diversificare le opportunità per chi vorrà lasciare la propria auto a casa e raggiungere i Mercatini di Natale evitando code, traffico e problemi di parcheggio.

 

Saranno quattro i servizi principali, grazie a tre importanti e qualificate partnership tecniche, a disposizione dei visitatori che vorranno raggiungere comodamente il borgo di Santa Maria Maggiore: i treni speciali (prenotazione obbligatoria) della Ferrovia Vigezzina da Domodossola e Locarno per Santa Maria Maggiore, i treni navetta (non su prenotazione) da Druogno a Santa Maria Maggiore, sempre a cura della Ferrovia Vigezzina, il car sharing con il partner Bla Bla Car e i comodi bus + trenini navetta da Gravellona Toce a Santa Maria Maggiore promossi da Becoming Ossola. Tutti i dettagli sono presenti online sul sito dei mercatini: http://mercatininatale.santamariamaggiore.info

 

Gli organizzatori, infine, suggeriscono di programmare la visita nelle giornate del 7 e 8 dicembre, in quanto al momento i flussi di visitatori singoli e gruppi attesi da ogni regione d’Italia per domenica 6 dicembre sono già molto alti e – in ogni giornata – di prediligere l’accesso al paese con mezzi alternativi alle auto oppure in orari meno congestionati (tarda mattinata o primo pomeriggio).

Tags:

Altri Articoli Interessanti: