ViaggiNews

Alla scoperta dell’anima dark delle città europee. Una mostra mozzafiato

giovedì, 12 marzo 2015

Fonte immagine: Facebook Daniele Cametti Aspri

Fonte immagine: Facebook Daniele Cametti Aspri

Quando entriamo in un luogo oscuro da un ambiente luminoso viviamo inizialmente una sorta di disorientamento, gli occhi faticano per i primi minuti ad abituarsi al buio” inizia così a spiegare il suo progetto Daniele Cametti Aspri artista creatore della mostra fotografica “Dark City” in esposizione dal 13 al 19 marzo al “The Mill” a Roma.  Una serie di panorami notturni di diverse splendide città di tutto il mondo verranno presentati ai visitatori illuminati solamente da qualche candela e dalla sonorità dell’handpan di Andrea Siecola. 

“La luce fioca si appoggia sulle strutture circostanti disegnando un gioco di forme e superfici acromatiche con sfumature di grigi scuri più o meno intensi che arrivano fino al nero – si legge sul sito del fotografo nella sezione dedicata al progetto – Come accade in una camera stenopeica dove un piccolissimo raggio di luce dipinge la fotografia sul negativo, le immagini di “Dark Cities” arrivano all’occhio dello spettatore che vi si pone di fronte contemplandole come se si trovasse in una camera oscura: una visione che supera la barriera del reale e arriva direttamente all’anima, trasmettendo empaticamente le sensazioni ho percepito sui luoghi che ho attraversato”.

“Nelle mie perlustrazioni notturne – spiega Cametti – delle maggiori capitali europee, in cui l’umanità è pressoché assente, si avverte il silenzio, la solitudine di un uomo immerso nel buio che si tiene distante dalla società e ne osserva il suo evolversi, in disparte e nascosto”.

Il fotografo, nato a Roma nel 1968, all’età di 19 anni, ha fondato la rivista cinematografica professionale Acting News e, sin da piccolo si è appassionato di comunicazione, grafica ed immagine sia cinematografica che fotografica. Dal 2003, quando è nato suo figlio e gli ha scattato delle foto, ha capito che quella sarebbe stata la sua strada e, infatti, non ha più smesso!

Tags:

Altri Articoli Interessanti: